Il nuovo BlackBerry Q5, e tutto il resto

Le cose da sapere sul telefono presentato oggi e sul Messenger, che sarà esteso a iPhone e Android (senza dimenticare Alicia Keys)

Mercoledì 14 maggio a Orlando, in Florida, BlackBerry ha presentato un nuovo telefono e annunciato l’apertura del suo sistema per scambiarsi messaggi, BlackBerry Messenger, anche agli altri smartphone come iPhone e i dispostivi Android, con un sistema simile a quello utilizzato dall’applicazione Whatsapp. Queste novità fanno parte dello sforzo che la società sta facendo da circa un anno e mezzo per recuperare nei confronti dei concorrenti, che hanno saputo innovare più rapidamente con nuovi modelli di smartphone e sistemi operativi.

Un anno fa BlackBerry era data praticamente per morta da numerosi analisti, come ha ricordato dal palco il suo amministratore delegato, Thorsten Heins: «Mi dissero che quello del 2012 sarebbe stato il mio ultimo evento, che era finita. Beh, si sbagliavano». La società in effetti di sforzi ne ha fatti molti nell’ultimo anno: ha cambiato buona parte dei dirigenti più importanti, ha rinominato il marchio passando da RIM a BlackBerry e, soprattutto, ha realizzato un nuovo sistema operativo (BB10) che da gennaio funziona su due nuovi telefoni: lo Z10 con solo touchscreen e il Q10, con la classica tastierina fisica dei BlackBerry. Il primo è già disponibile in Italia (costa circa 699 euro), il secondo arriverà nelle prossime settimane.

Ai due modelli che funzionano con BB10 se ne aggiunge un terzo, che si chiama Q5 e che sarà disponibile a partire dall’estate: avrà meno funzionalità rispetto al Q10, ma in compenso costerà meno. Vi raccontiamo come è fatto, e tutte le altre novità del BlackBerry Live di Orlando, per immagini, Alicia Keys compresa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.