La vita nello Spazio

I fantastici video del comandante della Stazione Spaziale Internazionale, che spiega come si mangia, si dorme, ci si tagliano i capelli e ci si lava i denti in assenza di gravità

Chris Hadfield ha 53 anni, è canadese e da 132 giorni vive nello Spazio, in orbita intorno alla Terra sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Hadfield è anche il primo comandante della ISS proveniente dal Canada e negli ultimi mesi si è fatto conoscere grazie a una serie di video, circolati molto online, dove spiega con parole semplici ed esempi pratici come si vive in assenza di gravità e quali soluzioni – spesso molto creative – sono state ideate per consentire agli astronauti di vivere quasi come sulla Terra, anche se si trovano sospesi in aria a 350 chilometri di distanza.

Lavarsi le mani
Per farlo gli astronauti sulla ISS utilizzano un particolare tipo di acqua, lievemente saponata, che non richiede un successivo risciacquo. Le sacche in cui è contenuta hanno un’etichetta vistosa, per evitare che siano confuse con quelle contenenti acqua potabile.

Mangiare
Rispetto al passato, oggi in orbita è possibile mangiare diversi cibi tali e quali a quelli che si mangiano sulla Terra (qui come si mangiava una volta sulle navicelle spaziali). L’importante è scegliere cibi che non producano briciole e che sporchino poco. Il pane, per esempio, è stato sostituito con le tortilla, che fanno molte meno briciole e possono essere conservate sottovuoto fino a 18 mesi.

Verdure
Gli astronauti sulla ISS mangiano verdura, che viene conservata a bordo deidratata e in sacchetti sottovuoto. Le verdure contengono molta acqua, la prima responsabile del loro rapido deperimento. Per questo motivo sulla Terra vengono private dell’acqua e impacchettate prima di essere inviate sulla ISS. A bordo basta aggiungere acqua calda per riportarle – più o meno – al loro stato originario.

1 2 3 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.