30 copertine di Storm Thorgerson

Il 18 aprile 2013 è morto a 69 anni il creatore di alcune delle più memorabili cover di dischi di tutti i tempi (questa la riconoscete, no?)

Giovedì 18 aprile 2013 è morto Storm Thorgerson, grafico e fotografo britannico a cui si deve la maggior parte delle memorabili copertine dei Pink Floyd, e quelle di molte altre grandi band, tra cui Led Zeppelin, Black Sabbath, Scorpions, Genesis, Dream Theater, Cranberries, Offspring e Muse.

Thorgerson, era nato nel 1944 ed era cresciuto a Cambridge. Aveva studiato cinematografia e televisione al Royal College of Art di Londra. Nel 1968, con un compagno di università fondò Hipgnosis, uno studio grafico e fotografico. Il primo lavoro importante fu la copertina del secondo disco dei Pink Floyd, “A saucerful of secrets”. I Pink Floyd si erano rivolti a loro soltanto perché Thorgerson e il chitarrista David Gilmour si conoscevano da quando erano ragazzini.  Visto il risultato notevole, però, affidarono a Thorgerson e soci molte delle copertine dei dischi che seguirono, tra cui “Ummagumma”, “Atom heart mother”, “The dark side of the moon”, “Wish you were here”. Fu una scelta giusta perché i dischi passarono alla storia anche per la bellezza e riconoscibilità di quelle copertine.

Con Hipgnosis, Thorgerson creò anche le cover di “Houses of the holy”, “Presence” e “In through the outdoor” dei Led Zeppelin, di “The lamb lies down on Broadway” dei Genesis, quelle di tre dischi solisti di Peter Gabriel e molte altre. Nel 1983 Thorgerson lasciò Hipgnosis, continuò a lavorare sui dischi (che poi a un certo punto diventarono cd e dvd), e diresse alcuni video musicali (sempre dei Pink Floyd, ma non solo). È morto ieri a 69 anni per un tumore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.