Sculture di chewing-gum

Jeremy Laffon costruisce grosse architetture con migliaia di gomme da masticare, una sull'altra

Jeremy Laffon è un artista francese che vive e lavora a Marsiglia. Per produrre le sue opere utilizza diversi linguaggi, dalla fotografia ai video alle installazioni, con l’idea di creare lavori ironici ed enigmatici attraverso oggetti della vita quotidiana. L’idea è creare forme coincise e semplici, per esplorare il potenziale evocativo dei loro componenti. Gli oggetti decontestualizzati creano qualcos’altro di nuovo e insaspettato.

Un oggetto che usa molto, per esempio, è la gomma da masticare. Alcune installazioni sembrano città con architetture contemporanee e sono composte da circa 4 mila gomme. È un lavoro lungo – a volte per costruire un’opera servono almeno 3 mesi – e le gomme non sono fissate tra loro ma appoggiate come castelli di carte. Con una fonte di calore pensata dall’artista le opere si piegano poi sul loro stesso peso, autodistruggendosi.

In altre opere Laffon costruisce dei sostegni alternando gomme verdi e bianche con l’idea di dimostrare come questo materiale possa essere molto valido e resistente nelle strutture architettoniche; oppure stende pavimenti usando le gomme, come fossero piastrelle. Chi attraversa la sala è costretto a camminarci sopra e facendolo così le schiaccia, portandosele via e distuggendo lentamente il lavoro.

Dal sito di Laffon è possibile scaricare il suo portfolio, con altri lavori fatti con altri materiali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.