• Mondo
  • giovedì 4 aprile 2013

Il paese più povero del Regno Unito

Reportage fotografico da Jaywick, costa orientale dell'Inghilterra, dove si vive malissimo

Jaywick è un paesino sulla costa orientale dell’Inghilterra, nell’Essex, tornato ad essere famoso negli ultimi giorni sui media britannici dopo che Oli Scarff, fotografo di Getty Images, ci ha dedicato un reportage fotografico: dal 2011, infatti, Jaywick è considerata la zona più povera di tutto il Regno Unito, dopo la pubblicazione dei risultati di una grande indagine governativa (qui un’infografica del Guardian).

L’area ha diversi altri record negativi, l’ultimo dei quali rilevato lo scorso anno: il più alto tasso di disoccupazione giovanile, che raggiunge il 30 per cento dei giovani tra i 16 e i 24 anni (cinque volte la media nazionale). L’aspettativa di vita a Jaywick è di 74,9 anni, quasi quattro anni in meno della media nazionale, mentre il reddito settimanale medio per ogni famiglia è di 360 sterline (424 euro) contro le 650 dell’Inghilterra orientale. Nel 2009, un’indagine concluse che, tra le dieci strade della regione in cui le case costavano meno, quattro si trovavano a Jaywick.

Molte case del paesino vennero costruite agli inizi degli anni Trenta da un imprenditore edilizio, che intendeva farne una località balneare economica per le famiglie di Londra. Ma con il passare degli anni molte persone si sono trasferite definitivamente nei piccoli bungalow per le vacanze, non progettati per essere residenze permanenti. Nell’area c’è un grave problema di dipendenza da droghe e alcol, come ha mostrato un documentario girato lo scorso anno e intitolato Jaywick Escapes.

Il Guardian ha scritto pochi giorni fa che i tagli alla spesa pubblica del Regno Unito, e in particolare allo stato sociale, si stanno già facendo sentire pesantemente a Jaywick, dove moltissimi adulti dipendono dai sussidi statali. Il tema è oggi molto sensibile nel Regno Unito, dopo il combattivo discorso del Cancelliere dello Scacchiere George Osborne del 20 marzo scorso, in cui si annunciavano tagli alla spesa e aumenti di tasse.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.