Eyes as Big as Plates © Karoline Hjorth & Riitta Ikonen

Secondo natura

Due fotografe hanno raccolto una serie di ritratti di personaggi notevoli, inseriti e mimetizzati in quello che li circonda (e li racconta)

© Karoline Hjorth & Riitta Ikonen, Eyes as Big as Plates

Eyes as Big as Plates è un progetto fotografico nato dalla collaborazione tra due fotografe: Riitta Ikonen, finlandese, e Karoline Hjorth, norvegese.

Riitta Ikonen e Karoline Hjorth hanno iniziato a raccogliere alcuni scatti nel 2011, durante un periodo di residenza per artisti durante il quale si erano conosciute. La loro idea era fotografare personaggi locali di Sandnes (Norvegia) che incarnano un ruolo considerato per certi versi “mitico”. Le persone ritratte, vecchi eroi e avventurieri, marinai in pensione, ex agronomi e paracadutisti, sono tutte anziane e sono rappresentate con costumi legati alla natura, inserite in un paesaggio nordico da fiaba. Ne viene fuori una loro versione simbolica e onirica, legata alla loro identità, di cui noi che vediamo le foto non sappiamo niente. L’interpretazione è aperta: ognuno può immaginare così le loro vicende personali, i loro viaggi, le loro personalità.

Il progetto è stato presentato per la prima volta proprio a Sandnes ed è poi stato esposto altrove: man mano che gira si arricchisce di nuove fotografie, scattate durante le varie tappe. La seconda parte del progetto, per esempio, è stata realizzata a Pohjois-Karjala, in Finlandia, e racconta alcuni dei personaggi più “folkloristici” conosciuti della zona.

Attualmente il progetto è esposto e viene portato avanti negli spazi di Recess a New York. Ikonen e Hjorth stanno organizzando delle sessioni fotografiche per coinvolgere gli anziani del quartiere e provare a far emergere, attraverso il ritratto in posa, le diverse provenienze dei partecipanti, la varietà culturale delle persone che popolano la zona. Tutto il processo, il backstage, quello che accade e il viaggio in generale è documentato in un blog.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.