• Mondo
  • mercoledì 20 marzo 2013

Tra Siria e Turchia

Il fotografo Bulent Kilic racconta la vita nei campi profughi di Atme, Azmarin e Serjilla: panni stesi al sole, ragazze che lavano i piatti e tanti tendoni

Bulent Kilic è un fotografo turco che negli ultimi tempi ha realizzato per l’agenzia fotografica AFP diversi reportage dalla Siria, documentando soprattutto cosa succede al confine con la Turchia. Le foto mostrano il campo di Atme, a 60 chilometri da Idlib, nella Siria settentrionale, dove ogni giorno aumenta il numero dei rifugiati in fuga dal regime di Bashar al Assad, il villaggio di Azmarin e Serjilla, una delle cosiddette “città morte bizantine”, dove i profughi siriani trovano rifugio tra le rovine di chiese e tombe romane. Dall’inizio del conflitto tra ribelli e forze governative in Siria sono morte quasi 70 mila persone, mentre più di un milione è scappato dalle proprie case.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.