Le facce del South by Southwest

Le foto più belle del vivace festival dedicato a musica, cinema e nuove tecnologie che si tiene ogni anno a Austin, in Texas

Dall’8 al 17 marzo ad Austin, in Texas, si è tenuta la ventisettesima edizione del South by Southwest, conosciuto anche come SXSW, uno dei festival più ricchi e innovativi degli Stati Uniti: dedicato alla tecnologia, al cinema e alla musica, anche quest’anno ha offerto centinaia di iniziative e ha attirato migliaia di persone.

La prima parte del festival, la sezione Interactive, è stata dedicata alle nuove tecnologie, con le presentazioni delle novità più importanti in campo tecnologico e gli interventi e le lezioni di esperti del settore. Tra i moltissimi eventi, Google ha presentato le sue Talking Shoes, realizzate in collaborazione con Adidas, e le prime funzioni del progetto Google Glass; Bre Pettis, fondatore della MakerBot, ha presentato un innovativo scanner 3D e mostrato le potenzialità della stampante in 3D; tra gli interventi più seguiti ci sono stati quelli di Al Gore, di Tim Berners-Lee, del fondatore di Spotify Daniel Ek e un’intervista via Skype al fondatore di Megaupload Kim Dotcom.

Nella sezione cinema, invece, come ogni anno sono stati presentati molti film indipendenti e produzioni più importanti come The Incredible Burt Wonderstone con Steve Carell e Jim Carrey, e Spring Breakers di Harmony Korine. Il regista inglese Danny Boyle ha presentato una scena inedita del suo nuovo film, Trance, con James McAvoy, Vincent Cassel e Rosario Dawson. Il 12 marzo, infine, è iniziata la parte più ricca del festival – quella preferita dai fotografi – dedicata alla musica: ha iniziato Dave Grohl col suo keynote speech incentrato sul tema “the musician comes first” per poi proseguire con centinaia di concerti dei più di due mila gruppi presenti in città, tra cui Nick Cave and the Bad Seeds, i Depeche Mode, i Green Day, Prince e anche Jovanotti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.