Heath Ledger, cinque anni dopo

Le foto più belle dell'attore australiano morto a 28 anni e i video dei film per cui lo ricorderemo, due su tutti

Cinque anni fa morì Heath Ledger, attore e regista australiano nato a Perth nel 1979 e morto a New York il 22 gennaio nel 2008, a 28 anni, per un avvelenamento causato dagli effetti combinati di alcuni farmaci che l’attore stava prendendo dietro prescrizione medica. Ledger era considerato uno degli attori più promettenti della sua generazione.

Heath Ledger aveva iniziato molto presto la sua carriera nel cinema: a 16 anni si era trasferito a Sydney per studiare recitazione e dopo qualche anno si era trasferito negli Stati Uniti. A vent’anni ottenne una parte da protagonista nel film 10 cose che odio di te e l’anno successivo nel film di Mel Gibson Il patriota, ottenendo molto successoNel 2005 recitò in ben tre film, tutti presentati al Festival del Cinema di Venezia di quell’anno: I fratelli Grimm e l’incantevole strega di Terry Gilliam, Casanova di Lasse Hallstrom e il film vincitore del festival, I segreti di Brokeback Mountain di Ang Lee, per il quale venne nominato all’Oscar per il miglior attore protagonista. Sul set di questo film iniziò una relazione con Michelle Williams, attrice anche lei.

Nel 2007, dopo una pausa dal lavoro per prendersi cura della figlia Matilda (nata nell’ottobre 2005 dalla relazione con Michelle Williams), partecipò a Io non sono qui, film biografico su Bob Dylan. Nel 2007 interpretò Joker, personaggio che già fu di Jack Nicholson nel 1989 in Batman di Tim Burton, in The Dark Knight – Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan, che uscì nelle sale dopo la sua morte e gli valse l’Oscar postumo al miglior attore non protagonista nel 2009. Prima di morire Ledger stava girando il film di Terry Gilliam Parnassus, che non riuscì a portare a termine.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.