Gli artisti più venduti nel 2012

L'anno scorso sono state vendute opere di Andy Warhol per 380 milioni di dollari, più di Picasso; nella classifica ci sono anche tre pittori cinesi

Quando si parla di un’opera d’arte è consuetudine pensare immediatamente alla dimensione percettiva dell’osservazione, a concetti come bellezza o repulsione, immedesimazione o distacco, a elementi come il colore, la forma, il segno, la composizione, la dimensione, la proporzione. Eppure il valore di un’opera d’arte, e nello specifico di un’opera d’arte contemporanea, ha molto a che vedere con i numeri, col mercato, la produzione, le relazioni sociali. A proposito di numeri il sito Flavorwire ha pubblicato la classifica dei dieci artisti più venduti nel 2012, realizzata dal sito Artnet, che si occupa del mercato internazionale dell’arte, con una piattaforma per le aste online e una rete dove i collezionisti possono navigare in oltre 2mila gallerie internazionali e contattare direttamente i venditori. La classifica mostra, oltre al ricavato totale delle vendite, il valore dell’opera più costosa del relativo artista.

Al primo posto della classifica c’è Andy Warhol, le cui opere sono state vendute nel 2012 per un totale di oltre 380 milioni di dollari, e che ha battuto Pablo Picasso, fino allo scorso anno il più venduto, al secondo posto con un totale di oltre 334 milioni di dollari. Al terzo posto c’è il pittore tedesco Gerard Richter, con quasi 300 milioni di dollari. La classifica riflette il dominio delle opere d’arte occidentali dal dopoguerra in poi, anche se in classifica compaiono tre artisti cinesi. La maggior parte dei quadri in classifica è stata venduta durante le aste delle due più grandi case d’aste del mondo, Sotheby’s e Christie’s.