Africani³

Persone africane che impersonano miti e simboli africani fotografate da Namsa Leuba, che è mezza africana e mezza svizzera

© Namsa Leuba

Namsa Leuba è una fotografa nata in Svizzera da madre guineiana e da padre svizzero.

Nel progetto fotografico Ya Kala Ben – “sguardo incrociato”, traducibile anche con “sguardo meticcio”, vista la sua biografia – Leuba ritrae alcuni costumi e comportamenti fisici tipici della cosmologia tradizionale della Guinea. Ispirandosi alle statuette utilizzate durante i cerimoniali sacri, Leuba mette in posa alcune persone “travestite” da personaggi che derivano dalla fantasia, dalle credenze e dalla magia e che rappresentano simboli e radici culturali antiche e profonde della cultura e della memoria collettiva dell’Africa.

Leuba prova a «decostruire e ricostruire i corpi e a rappresentare l’invisibile». L’obiettivo della fotografa raccoglie l’immagine di questi esseri simbolici con l’idea di decontestualizzare il sacro-simbolico-mistico e rendere leggibile all’Occidente quest’estetica molto particolare, colorata, con sfondi di tessuto e figure mitologiche. Per riuscire a fare queste fotografie Leuba ha dovuto covincere molti guineiani che ritenevano il suo lavoro blasfemo. Nella serie di immagini ci sono ritratti a figura intera, ritratti, paesaggi, momenti religiosi.

Leuba è una fotografa molto interessante: espone le sue opere in diverse gallerie e pubblica su molti giornali. Gli aggiornamenti circa il suo lavoro vengono segnalati periodicamente nel suo blog. Tutti i lavori hanno un tratto distintivo molto chiaro, uno stile preciso che mischia elementi della cultura occidentale e della moda con elementi popolari, tratti dalle tradizioni ancestrali africane e dalle estetiche religiose e mistiche.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.