Ghosts of war – Polonia © Jo Hedwig Teeuwisse

Fantasmi di guerra

Jo Hedwig Teeuwisse sovrappone foto della Seconda guerra mondiale a foto degli stessi luoghi, ma visti oggi

Ghosts of war - Polonia © Jo Hedwig Teeuwisse

Jo Hedwig Teeuwisse è una storica olandese appassionata di fotografie e di ricerca iconografica attraverso archivi e album di famiglia. L’idea di creare il progetto Ghost of war (Fantasmi di guerra) nasce da un ritrovamento di vecchi negativi fotografici in un mercatino delle pulci di Amsterdam, dove vive. Interessata al contenuto delle immagini, decise di andare alla ricerca dei luoghi dove erano state scattate le fotografie per capire se esistono ancora questi luoghi che furono attraversati da truppe militari, da reggimenti, prigionieri di guerra, e come sono cambiati.

Il risultato è una combinazione tra queste immagini della Seconda guerra mondiale e le immagini che lei stessa ha raccolto, ai giorni nostri, durante le sue passeggiate per le vie della città.

Il progetto è iniziato nel 2007 e per ricostruire la storia degli ambienti – che a un certo punto è diventata una ricerca su scala internazionale: ci sono anche alcune immagini dall’Italia – si è servita di Facebook e del sito battledetective per chiedere e trovare informazioni: le fotografie, nella maggior parte dei casi, ritraevano luoghi poi distrutti dai bombardamenti o completamente stravolti dalla modernità.

Jo Hedwig Teeuwisse ha fatto della storia un aspetto importante anche della sua personalità: si veste completamente con abiti ed accessori degli anni Trenta. Pubblica i suoi progetti e le sue ricerche in un sito/archivio e su Flickr.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.