• Mondo
  • venerdì 19 ottobre 2012

Le enormi miniere della Mongolia

Le foto dello sterminato giacimento di Oyu Tolgoi, che produrrà 450mila tonnellate di rame a partire dal prossimo anno

La miniera di Oyu Tolgoi (che significa “collina turchese” in mongolo) è un grande progetto minerario per l’estrazione di oro e rame, che si trova circa 550 km a sud dalla capitale della Mongolia, Ulan Bator. Il giacimento è stato scoperto nel 2001 e solo quest’anno sono iniziati i lavori per il suo sfruttamento, gestito da Turquoise Hill Resources e Rio Tinto, una multinazionale del settore minerario con sede nel Regno Unito. A partire dal 2013, Oyu Tolgoi produrrà 450.000 tonnellate di rame e 9.300 chilogrammi di oro ogni anno, per cinquant’anni, con un valore di centinaia di miliardi di dollari ai prezzi attuali. La miniera sarà in parte sotterranea e in parte a cielo aperto.

Il settore minerario porterà a moltiplicare per tre la ricchezza nazionale della Mongolia nei prossimi dieci anni, secondo diverse stime (già lo scorso anno, il Prodotto interno lordo della Mongolia è cresciuto del 17 per cento). Stando alle previsioni, Oyu Tolgoi da sola inciderà per un terzo dell’intero Prodotto lordo della Mongolia entro il 2020.

La regione del Gobi contiene il più grande deposito di carbone del mondo, che sta iniziando a essere sfruttato solo ora attraverso una serie di gigantesche miniere. Per la popolazione del paese, meno di tre milioni di abitanti per la maggior parte nomadi in una delle aree meno popolate del mondo, ci saranno grandissimi cambiamenti, dato che ai progetti minerari si accompagnano investimenti nell’educazione e nella formazione. Ma quella che è stata chiamata “una delle trasformazioni più radicali della storia umana” porta con sé preoccupazioni a proposito del modo in cui la ricchezza sarà redistribuita e di carattere ambientale, soprattutto sul piano dello sfruttamento delle risorse idriche e dell’inquinamento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.