• Mondo
  • giovedì 20 settembre 2012

La medaglia per Aung San Suu Kyi

La parlamentare birmana ha ricevuto a Washington l'onorificenza che le era stata assegnata quattro anni fa, quando era in prigionia

Il premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi ha iniziato questa settimana un viaggio negli Stati Uniti, dopo aver passato buona parte degli ultimi due decenni come prigioniera politica in Birmania, il proprio paese di origine. Dopo aver incontrato martedì scorso Hillary Clinton, il Segretario di stato americano, ieri ha partecipato a una cerimonia presso il Campidoglio a Washington, dove le è stata consegnata finalmente di persona la Medaglia d’oro del Congresso che le era stata assegnata nel 2008. La medaglia è il più alto riconoscimento civile negli Stati Uniti insieme con la Medaglia presidenziale della libertà.

Aung San Suu Kyi ha anche incontrato il presidente Barack Obama alla Casa Bianca e ai giornalisti ha spiegato di aver vissuto «uno dei giorni più emozionanti» della sua vita. Durante la cerimonia, ha ringraziato gli Stati Uniti per il loro impegno verso la tutela della democrazia e ha ricordato che in Birmania devono essere condotti ulteriori passi avanti verso la libertà. Negli ultimi anni nel paese ci sono stati alcuni progressi, tali da indurre gli Stati Uniti a ridurre le sanzioni economiche nei confronti della Birmania. L’Unione Europea e altri paesi avevano già fatto altrettanto nei mesi scorsi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.