• Cultura
  • venerdì 7 settembre 2012

“Star Trek – La serie classica”, il doodle

Google ricorda la famosa serie televisiva, che andò in onda negli Stati Uniti per la prima volta l'8 settembre del 1966

A fine pomeriggio, Google ha messo online un nuovo doodle, dedicato questa volta all’anniversario della messa in onda della prima puntata di “Star Trek”, sulla rete televisiva NBC. Quella che poi divenne la cosiddetta “serie classica” andò in onda per la prima volta l’8 settembre del 1966. Fu trasmessa per tre stagioni televisive consecutive e si concluse il 3 giugno 1969. Ne andarono complessivamente in onda 79 episodi. La serie non ebbe da subito un grande successo e particolare attenzione da parte del pubblico, ma recuperò negli anni dopo soprattutto grazie alla passione dei suoi fan.

La serie classica di “Star Trek” è ambientata tra gli anni 2266 e 2269, in un futuro ipotetico in cui gli esseri umani si sono riuniti in un unico governo, quello della Terra Unita. Sono poi entrati in contatto con altre forme di vita presenti nella Via Lattea, con cui hanno creato una federazione di pianeti. L’equipaggio della nave stellare USS Enterprise ha il compito di esplorare lo spazio alla ricerca di nuove civiltà. Il comandante della USS Enterprise è il capitano James T. Kirk (William Shatner), accompagnato da numerosi altri personaggi come l’ufficiale scientifico Spock (Leonard Nimoy) – quello con le orecchie a punta – e il medico Leonard McCoy detto Bones (DeForest Kelley).

Ideatore di Star Trek fu Gene Roddenberry (Eugene Wesley Roddenberry), aviatore durante la Seconda guerra mondiale e decorato per le sue operazioni nel Pacifico. Fu anche pilota per la PAN-AM e agente di polizia, prima di dedicarsi all’ideazione e alla sceneggiatura della serie televisiva. Morì nel 1991 a 70 anni e, come aveva chiesto, fu sepolto nello Spazio: una piccola urna contenente le sue ceneri fu inviata in orbita, e bruciò poi sei anni dopo ricadendo verso l’atmosfera. I fan sono, comprensibilmente, molto affezionati alla sua figura.

Gli impallinati sanno a memoria la frase di apertura della serie:

Spazio, ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell’astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale, diretta all’esplorazione di strani nuovi mondi alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare laddove nessun uomo è mai giunto prima.

Barack Obama fa il saluto vulcaniano con Nichelle Nichols

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.