Apple rimuove l’app di YouTube

Il nuovo sistema operativo per iPhone e iPad non avrà più un programma predefinito per i video del portale di Google

Nella nuova versione di iOS, il sistema operativo che fa funzionare gli iPhone e gli iPad, non ci sarà più pre-installata l’applicazione per cercare e guardare i video su YouTube. Il particolare è stato notato nelle ultime ore da chi ha ottenuto la versione di prova più recente di iOS 6, che sarà messo a disposizione di tutti i possessori di dispositivi mobili di Apple entro l’autunno. L’applicazione di YouTube fino a ora aveva sempre fatto parte del sistema operativo, anche se nel tempo non aveva ricevuto particolari aggiornamenti e migliorie. La notizia arriva a due mesi di distanza dall’annuncio di Apple di aver inserito in iOS 6 una propria applicazione per le mappe, alternativa a quella offerta fino a ora da Google.

In seguito alle segnalazioni circolate online nelle ultime ore sulla scomparsa dell’applicazione per YouTube, i responsabili di Apple hanno diffuso un breve comunicato per confermare la notizia:

La nostra licenza per includere l’applicazione di YouTube in iOS è terminata, gli utenti potranno accedere a YouTube tramite il browser Safari e Google sta lavorando a una nuova applicazione di YouTube, che sarà disponibile nell’App Store.

La conferma di Apple non ha però chiarito il motivo della rimozione dell’applicazione. Secondo alcuni la società si sarebbe stufata di pagare una costosa licenza a Google per mantenere l’app, mentre per altri la decisione sarebbe stata motivata dalla volontà di non avere più alcuna applicazione predefinita della concorrenza sugli iPhone, iPad e iPod Touch. La novità interesserà comunque la sola nuova versione di iOS. Dalle edizioni precedenti l’applicazione non sarà rimossa, probabilmente perché gli accordi di licenza con Google permettono di farlo senza costi aggiuntivi, o forse per evitare la rimozione di una funzionalità da un sistema operativo già disponibile e utilizzato da decine di milioni di persone ogni giorno.

Google, intanto, ha confermato di essere al lavoro per realizzare una propria applicazione alternativa all’attuale, che dovrebbe rendere più semplice l’utilizzo di YouTube sui dispositivi mobili Apple senza dover passare attraverso il browser. Non si tratta necessariamente di una cattiva notizia per Google: l’applicazione classica di iOS per YouTube non aveva avuto molti aggiornamenti in questi anni ed era stata lasciata all’angolo da Apple. Avendo il pieno controllo sul suo sviluppo, ora Google potrà offrirne una migliore e potrà aggiornarla con più frequenza, senza dipendere da Apple. L’unico svantaggio, non trascurabile, per Google sarà quello di non poter più contare sulla presenza di una propria applicazione pre-installata su iOS.

In seguito al crescente successo di Android, sistema operativo utilizzato da molti produttori di smartphone, Apple negli ultimi mesi si è data da fare per contrastare la concorrenza, anche con una serie di cause in tribunale per dimostrare di aver subito la violazione di diversi brevetti. Molte della applicazioni di Google per iOS godono di un particolare successo e funzionano da “ambasciatori” per dimostrare la qualità dei servizi per i dispositivi mobili offerti dalla società, condizione che non piace ad Apple. Di recente Google ha messo a disposizione una versione del proprio browser Chrome per iOS, ottenendo una risposta molto positiva da parte degli utenti. La società è al lavoro per realizzare nuove applicazioni alternative a quelle di Apple, compresi un sistema per le mappe e ora uno per i video di YouTube.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.