Google porta Chrome su iPhone e iPad

È un'ottima alternativa a Safari: fa un sacco di cose e sincronizza preferiti, password e schede aperte tra i dispositivi

Nel corso della seconda giornata di Google I/O 2012, la serie di conferenze organizzata a San Francisco dalla società per mostrare le sue novità a sviluppatori e utenti, Google ha presentato la sua prima versione di Chrome per iOS, il sistema operativo che fa funzionare gli iPhone e gli iPad. L’applicazione ricorda molto quella resa da poco disponibile per gli smartphone Android e porta sui dispositivi mobili Apple buona parte delle funzionalità dell’edizione classica per PC e Mac. Per Google è una importante occasione per mostrare la qualità dei propri prodotti per smartphone e tablet, una sorta di ambasciatore per convincere gli utenti a prendere maggiormente in considerazione la possibilità di passare ad Android.

Il browser che non si vede
Google ha realizzato l’applicazione di Chrome puntando sulla familiarità degli utenti con la versione classica. Soprattutto sugli smartphone, dove gli schermi sono più piccoli, l’idea è di far sostanzialmente scomparire il browser per privilegiare i contenuti. C’è quindi una sola barra in alto con la quale impartire i comandi e avviare le ricerche, a differenza dell’attuale versione mobile di Safari (il browser predefinito su iPhone e iPad) che ha sempre visibili due barre un poco invadenti e che rubano pixel alle pagine visualizzate.

Omnibox
Come nella versione classica di Chrome, la barra di navigazione in alto ha una “omnibox”, un campo in cui si possono inserire direttamente gli indirizzi web (URL) oppure le parole chiave da cercare attraverso Google. È una buona soluzione per semplificare le cose per gli utenti e rende più semplice e intuitiva la ricerca delle informazioni online. Mentre si digita una URL o una chiave di ricerca, Chrome suggerisce alcune scorciatoie in un menu a comparsa per velocizzare l’operazione, proprio come avviene normalmente su Chrome per desktop.

Tab
Con l’applicazione di Chrome si possono aprire più pagine web su diverse schede (tab). Sui tablet come l’iPad le schede sono sempre visibili in alto, al di sopra della “omnibox”, mentre per risparmiare spazio sui piccoli schermi degli smartphone sono a comparsa. Per accedere all’elenco basta toccare l’icona delle schede in alto a destra nella barra di navigazione: si apre un elenco visuale delle tab aperte, con l’anteprima della pagina che contengono. Per chiuderne una basta far scorrere un dito sullo schermo verso destra o sinistra e la scheda scompare. Sempre su iPhone e altri smartphone, se si vuole passare da una scheda a un’altra mentre si naviga basta toccare il lato destro (per andare alla scheda successiva) o quello sinistro (per andare alla scheda precedente) dello schermo e trascinare il dito. Dopo aver fatto un poco di pratica, si rivela un’ottima soluzione per passare velocemente da un contenuto a un altro.

Trova nella pagina
Sempre dalla barra di navigazione è possibile aprire un menu per accedere alle opzioni. Tra queste c’è la possibilità di avviare una ricerca testuale all’interno della pagina aperta nel browser.

Navigazione in incognito
Si attiva dalle opzioni e permette di visitare le pagine senza che queste rimangano nella cronologia o che vengano salvati altri dati. È una buona soluzione, per esempio, se si deve prestare il proprio tablet o smartphone a un amico per qualche minuto per fargli controllare la posta.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.