«La vita mi ha portato da un’altra parte»

La storia di Marilena Parenti, che ha appena rinunciato a diventare un deputato del PD, avendo cose più belle da fare

Repubblica ha raccontato domenica la storia di Marilena Parenti, prima dei non eletti per il PD alle elezioni del 2008 nel collegio in cui passò Antonello Soro, che ora ha lasciato il suo posto alla Camera dei Deputati: ma Parenti ha deciso di rinunciare, e la sua è una storia piuttosto interessante ed esemplare.

«Devo essere onesta con me stessa: rischierei di fare male due cose, la deputata e la mamma. Preferisco dedicarmi a mia figlia, nascerà tra tre mesi. È più importante». Il 7 giugno la democratica Marilena Parenti, 37 anni, lombarda di Brembio, ha ricevuto una telefonata inaspettata di Dario Franceschini: «Complimenti! Entri a Montecitorio, al posto di Antonello Soro, che va alla Privacy». «Sono onorata Dario, ma temo di non poter accettare. La vita mi ha portato da un’ altra parte». «Sei proprio sicura?», ha provato a dissuaderla il capogruppo. «Prenditi un po’ di tempo per pensarci», l’ ha consigliata persino il segretario Pierluigi Bersani. «Ne abbiamo parlato più volte, erano un po’ stupiti. Il mio compagno mi ha detto che mi avrebbe supportata qualsiasi decisione avessi preso, ma io sentivo che non lo volevo più fare. Ho detto no. Una scelta privata». Marilena Parenti non ha mai messo piede a Montecitorio. Nei prossimi giorni l’ aula accetterà le sue dimissioni. Quando si candidò nel 2008 aveva 32 anni ed era nello slancio di una promettente carriera politica: baby-consigliere comunale Ds, consigliere provinciale, presidente del Pd a Lodi a trent’ anni. Fu ben inserita nella lista della circoscrizione Lombardia 3, risultando poi la prima dei non eletti. Ma quattro anni possono essere tanti nella vita di una persona. Con una laurea in lettere nell’ agosto del 2008 è emigrataa Londra, trovando un lavoro da recruit manager in Expedia, con responsabilità per tutta l’Europa. A Londra lavorava già il suo compagno, italiano:a febbraio la scoperta di essere incinta.

(continua a leggere su Repubblica.it)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.