Gita a Coney Island

Belle foto dalla zona dei parchi divertimenti e delle spiagge di New York, che sta tornando ad essere quella che era

Coney Island, nonostante il nome, è una penisola. Si trova a New York, vicino a South Brooklyn. Dal 1903 al 1944 ospitò uno dei primi parchi divertimenti al mondo, il Luna Park (che in Italia è poi diventato il nome generico per indicare i parchi divertimento). Negli anni si aggiunsero altri due parchi divertimento oltre ad alberghi, ristoranti e spiagge attrezzate. Dopo la Seconda guerra mondiale, per Coney Island cominciò un periodo di decadenza: a causa di una serie di incendi negli anni ’40 chiusero diversi parchi divertimento, diminuirono i turisti e arrivarono le bande di strada. Negli anni successivi Coney Island è diventata un quartiere di edilizia popolare dove la metà degli abitanti appartiene a minoranze etniche.

Coney Island da alcuni anni è al centro di progetti di investimento e piani di riqualificazioni, nel tentativo di tornare ad essere la zona dei parchi divertimento e dell’intrattenimento che era negli anni ’40. Le operazioni di riqualificazione sono cominciate nel 2003, quando il sindaco di New York, Micheal Bloomberg, sperava di poter ospitare le Olimpiadi del 2012. Nel 2007, due fondi di investimento hanno acquistato molti terreni e hanno cominciato a investire nella riqualificazione dell’area. Il Dipartimento per la pianificazione cittadina di New York, nel 2009, ha dato il via libera alla costruzione di più di 5.000 nuovi alloggi e negozi. Nel 2010 ha riaperto il Luna Park, che è gestito dalla Zamperla, un’azienda di Vicenza. Nel 2011 ha avuto 640 mila visitatori, il record degli ultimi 50 anni. Secondo alcuni, la riqualificazione di Coney Island si può paragonare a quella di Times Square, la storica piazza di New York.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.