• Mondo
  • domenica 1 luglio 2012

La tassa sull’inquinamento in Australia

È stata approvata ieri dal governo laburista e impone alle più grandi aziende australiane un'imposta su ogni tonnellata di gas serra prodotto

Ieri il governo australiano, presieduto dalla laburista Julia Gillard, ha approvato la cosiddetta “carbon tax”, una tassa che sta facendo molto discutere in Australia e che impone alle aziende del paese che inquinano di più di pagare 23 dollari australiani (circa 18 euro) per ogni tonnellata prodotta di gas serra.

L’Australia contribuisce per circa l’1,5 per cento all’inquinamento mondiale e risulta essere il paese con il più alto tasso di emissioni inquinanti per persona. Il governo australiano sostiene che la tassa sulle emissioni è l’unico modo che ha l’Australia per riuscire a rispettare gli impegni internazionali sulla riduzione dell’emissione dei gas serra. Secondo le stime riportate dalla BBC, questa imposta colpirà circa 300 grandi industrie del paese, soprattutto tra le compagnie minerarie, aeree ed energetiche.

In Australia si discute da molti mesi di questa misura, che è al centro di un grande dibattito politico e di duri scontri tra la maggioranza laburista e l’opposizione. Tony Abbott, il leader del partito liberale all’opposizione, ha invece duramente attaccato la decisione del governo, definendo la “carbon tax” una “toxic tax” (“tassa tossica”), che colpirà duramente l’economia australiana. Secondo Abbott la tassa sull’inquinamento provocherà la perdita di moltissimi posti di lavoro e l’aumento dei prezzi al consumo, che peseranno sui cittadini.

Il primo ministro Gillard ha aggiunto che questa imposta deve servire all’Australia come sprone verso l’innovazione e la ricerca, l’unico modo per abbandonare la dipendenza del paese dai combustibili fossili e inquinare di meno senza traumi per l’economia del paese e dei cittadini. Con le elezioni politiche del 2013 che si avvicinano, scrive la BBC, la politica energetica sarà uno degli argomenti su cui punteranno maggiormente i partiti politici durante la campagna elettorale e il partito liberale, schierandosi fermamente contro, potrebbe guadagnare consensi.

nella foto: il primo ministro australiano Julia Gillard (WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.