• Mondo
  • lunedì 30 aprile 2012

Israele ha iniziato a costruire un muro al confine col Libano

Sarà lungo circa due chilometri e alto fino a sette metri, secondo l'esercito israeliano garantirà maggiore sicurezza

Oggi Israele ha cominciato a costruire una nuova barriera lunga circa 2 chilometri e alta fino a 7 metri, stavolta lungo il confine con il Libano. La decisione era già stata presa lo scorso gennaio e rientra in un nuovo piano di sicurezza di Israele. Come ha detto a Israel Radio International il colonnello dell’esercito israeliano Amit Fisher, di guardia al confine, il muro di cemento “aiuterà a prevenire gli attacchi a fuoco dal Libano verso Israele, visto che nell’ultimo anno e mezzo ci sono stati diversi incidenti di questo tipo”. La nuova barriera dovrebbe essere pronta tra qualche mese.

Israele ha detto che la decisione di costruire questo muro è stata presa in collaborazione con l’esercito libanese e con il comando della missione della NATO “UNIFIL” (United Nations Interim Force in Lebanon), una forza militare di interposizione presente tra Israele e Libano dopo la guerra tra i due paesi del 2006. In realtà, il mese scorso, un rappresentante dell’esercito libanese ha detto al quotidiano locale Al Akhbar che il Libano ha una posizione piuttosto neutrale sulla vicenda, in quanto il muro non sarà costruito proprio al confine tra i due paesi, ma qualche metro oltre, in territorio israeliano.

Quella con il Libano è la quarta barriera tra Israele e altri territori circostanti. Le altre tre sono presenti ai confini con la Striscia di Gaza, la Cisgiordania e l’ultima con l’Egitto, dopo la caduta dell’ex dittatore Hosni Mubarak e i timori israeliani verso il nuovo corso della politica egiziana, soprattutto dopo le elezioni presidenziali che si terranno tra maggio e giugno prossimi. Quest’ultima dovrebbe essere completata entro ottobre 2012 e sarà alta poco meno di 5 metri e lunga 225 chilometri.

Israele e Libano sono formalmente ancora in guerra (come lo sono Israele e Siria, del resto), dal momento che dopo la guerra del luglio 2006, scaturita da un attacco dei miliziani sciiti di Hezbollah al confine, non è mai stato raggiunto un accordo di pace. Durante la guerra, che durò circa un mese, morirono almeno 1.500 libanesi (in gran parte civili) e oltre 160 israeliani (in gran parte militari). Tuttavia, i rappresentanti dell’esercito dei due paesi si incontrano regolarmente con l’UNIFIL per concordare le misure di sicurezza da prendere al confine.

L’ultimo momento di grande tensione al confine tra Israele e Libano c’è stato il 3 agosto 2010, quando alcuni militari israeliani vennero attaccati dai militari libanesi per aver tagliato un albero che si trovava poco oltre il confine, in territorio libanese. Ne scaturì una battaglia tra i due eserciti in cui morirono un soldato israeliano, due soldati libanesi e un giornalista libanese.

nella foto: bambini palestinesi vicino ad Arnoun, in Libano, al confine con Israele (AP Photo/Mohammed Zaatari)