Cose che non sapete di YouPorn

Dopo il momento di popolarità leghista di ieri sera, un po' di informazioni sul più famoso sito porno del mondo (ma non il più visitato)

Ieri sera il sito per la condivisione di video pornografici YouPorn ha avuto un momento di inattesa popolarità sui nostri mezzi di comunicazione tradizionali e citazione nell’attualità politica, quando diverse telecamere hanno inquadrato il cartello di un militante alla manifestazione della Lega Nord a Bergamo che si era inventato lo slogan: “L’unico Belsito è YouPorn”. Il gioco di parole con il cognome dell’ex tesoriere leghista, Francesco Belsito, accusato di utilizzo illecito dei rimborsi elettorali del partito, è stato molto ripreso e commentato sia in rete che sui giornali, facendo un po’ di pubblicità a uno dei siti web che forse ne ha meno bisogno al mondo.

(Guarda che diventi cieco 2.0)

YouPorn è, infatti, il sito web dove si possono caricare e vedere video pornografici più famoso di Internet. Fu fondato nell’agosto del 2006 e nel novembre dell’anno seguente fu dichiarato il sito gratuito per il porno più grande del mondo. Benché sia il più conosciuto, complice il nome che ricorda molto quello di YouTube (su cui i contenuti pornografici sono vietati), YouPorn non è però più il sito di condivisione di contenuti per adulti più visitato. Lo scorso anno è stato superato da PornHub con 25,7 milioni di utenti unici al mese, circa il doppio rispetto ai numeri di YouPorn.

Secondo il sistema di rilevazione Alexa, che a volte va preso con le molle perché si basa principalmente su rilevazioni statistiche, YouPorn raccoglie ogni giorno 13 milioni di visite e genera 91 milioni di pagine viste giornalmente. Informazioni ufficiali sull’andamento del sito non sono mai state diffuse, ma qualche anno fa fu ipotizzato che grazie agli annunci pubblicitari il sistema generasse circa 120mila dollari al mese di ricavi.

(I numeri del porno su Internet)

Il dominio YouPorn.com fu registrato da una società nel dicembre del 2005, dunque diversi mesi prima del suo lancio ufficiale. Il marchio è posseduto dalla società Midstream Media International NV con base a Willemstad, la capitale di Curaçao, una dipendenza diretta del Regno dei Paesi Bassi nel sud del Mar dei Caraibi di fronte alle coste del Venezuela. Non si sa di preciso dove si trovino i suoi server, ma pare che la società che li amministra si trovi in Texas. Un’altra società, che si chiama Manwin e che si trova in Lussemburgo avrebbe acquisito YouPorn lo scorso anno. La stessa società gestisce altri siti per la condivisione di video per adulti come Tube8 e Spankwire.

Come altri siti simili, nel corso degli anni YouPorn è stato spesso criticato non solo per la natura dei suoi video, ma anche per l’impossibilità di poter verificare se i filmati caricati dagli utenti rispettino la legge. Il sistema è particolarmente libero ed è difficile stabilire se le persone che compaiono nei filmati siano tutte maggiorenni, se abbiano dato il loro consenso per la diffusione della loro immagine o se gli stessi filmati siano liberamente pubblicati o protetti dal diritto d’autore. Vivid Entertainment, uno dei più grandi produttori di video pornografici, nel 2007 fece causa al sito affermando che le proprie attività erano state gravemente danneggiate dalla pubblicazione dei suoi filmati protetti da copyright su YouPorn.

(James Deen, l’idolo porno delle ragazzine)

In diversi paesi l’accesso a YouPorn viene bloccato o pesantemente limitato. In Germania, il sito ha avuto particolari difficoltà perché non offre un sistema per verificare con certezza l’età degli utenti, come richiesto dalla legge. Alcuni operatori che danno l’accesso a Internet (ISP) hanno bloccato YouPorn negli anni passati, portando anche a cause legali e a ingiunzioni da parte dei tribunali. Simili limitazioni sono state applicate anche in Sri Lanka e a Singapore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.