I numeri del porno su Internet

Quanti miliardi di pagine viste mettono insieme ogni mese i siti più grandi? E quanti gigabyte trasferiscono al secondo?

Extremetech ha condotto uno studio sulle visite di due dei principali siti porno al mondo, Xvideos e YouPorn, e i risultati dello studio sono stati raccolti e sintetizzati ieri dal sito di Bloomberg Businessweek. Lo studio è stato condotto su dati pubblici, cioè quelli forniti dal servizio di Google “DoubleClick Ad Planner”. Il servizio si rivolge agli inserzionisti e propone i dati sulle visite e sui visitatori raccolti dai file cookies contenuti nei banner pubblicitari.

– Xvideos genera 4,4 miliardi di pagine viste al mese: dieci volte quelle del New York Times e tre volte quelle di CNN;

– YouPorn genera 2,1 miliardi di pagine viste al mese;

– Ogni visitatore passa in media più di 15 minuti per ogni visita su un sito porno;

– Il 75 per cento dei visitatori di siti porno è composto da uomini;

– Circa la metà dei visitatori guadagna tra 25.000 e 50.000 dollari l’anno, solo il 2 per cento guadagna più di 150.000 dollari;

– Xvideos trasferisce ogni mese 29 petabyte di dati (un petabyte equivale a 1000 terabyte, un terabyte equivale a 1000 gigabyte);

– Xvideos trasferisce in media circa 50 gigabyte al secondo, con picchi di 1 terabyte;

– L’archivio video di YouPorn comprende dati per oltre 100 terabyte;

– YouPorn trasferisce ogni mese 28 petabyte di dati;

– YouPorn genera in media 4000 pagine al secondo;

Questi numeri mettono i principali siti porno nella stessa categoria di giganti come Microsoft, Google e Facebook. Extremetech dice di aver avuto colloqui privati con persone all’interno di Youporn, e queste avrebbero detto loro che i dati di Google sono aggiustati al ribasso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.