• Scienza
  • giovedì 23 febbraio 2012

Il CERN conferma i possibili errori sui neutrini

Una nota ufficiale conferma le voci circolate ieri sul malfunzionamento di alcune strumentazioni dell'esperimento sulla velocità delle particelle

Questa mattina il CERN di Ginevra ha confermato le notizie circolate ieri sera su alcuni possibili errori nell’esperimento per la misura della velocità dei neutrini, che portò a ipotizzare che queste particelle viaggiassero a una velocità superiore a quella della luce. La notizia del possibile errore era stata diffusa dal sito web di Science e ripresa da molte altre testate, anche specialistiche. Nel breve comunicato di oggi, il CERN conferma che i responsabili di OPERA (Oscillation Project with Emulsion-tRacking Apparatus) hanno identificato due possibili errori nel sistema di misurazione della velocità dei neutrini.

Il team di OPERA ha comunicato di aver identificato due possibili effetti che potrebbero aver influenzato la misurazione dei tempi di spostamento dei neutrini. Entrambi gli effetti identificati richiederanno nuove verifiche. Se confermati, uno potrebbe aver aumentato l’entità del fenomeno osservato, l’altro potrebbe averlo diminuito. Il primo possibile effetto riguarda un oscillatore usato per determinare i tempi di sincronizzazione di un sistema GPS. Potrebbe aver portato a sovrastimare il tempo di spostamento dei neutrini. Il secondo riguarda un connettore in fibra ottica che porta il segnale esterno del GPS all’orologio principale di OPERA, che potrebbe non aver funzionato a dovere quando sono state effettuate le misurazioni. Se così fosse, potrebbe aver portato a sottostimare il tempo di spostamento dei neutrini. Le possibili conseguenze di questi due effetti sono in fase di analisi e studio da parte di OPERA. Nuove misurazioni sono in programma per marzo.

– Cos’è la scoperta del Gran Sasso
– Che cos’è un neutrino
– Come si misura la velocità dei neutrini

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.