• Mondo
  • domenica 1 Gennaio 2012

Gli auguri dei leader

Dieci discorsi di fine anno dei capi di stato, dalla Germania all'India: la crisi va per la maggiore, ma c'è chi insulta l'opposizione e chi fa promesse improbabili

Dalla difesa dell’euro del nuovo presidente del consiglio greco Lucas Papademos alle promesse del premier indiano Manmohan Singh nella lotta contro la corruzione, dal 2012 «di ricchezza e prosperità» annunciato dal regime militare nordcoreano agli auguri di «felice anno nuovo» ai cristiani di tutto il mondo del presidente iraniano (musulmano sciita) Mahmud Ahmadinejad. In Europa la crisi è in tutti i discorsi, ma ci sono anche capi di stato che si possono permettere più ottimismo.

Foto: Adam Berry/Getty Images

TAG: