• Mondo
  • giovedì 15 Dicembre 2011

Le foto di Burgabo, in Somalia

Un bel servizio fotografico dall'avamposto dei soldati kenyoti che combattono contro il gruppo terrorista di al-Shabaab

Carl De Souza è un fotografo svedese che dal 2003 lavora per Agence France Presse. Ha realizzato numerosi servizi in Libia durante la guerra civile e in Afghanistan, e ha lavorato anche come fotografo sportivo e di costume (lo scorso aprile aveva fotografato il matrimonio reale a Londra). Il suo ultimo servizio è dedicato alla Somalia: le foto sono state scattate tutte nella città costiera di Burgabo nel sud del Paese a circa 60 chilometri dal confine con il Kenya. Fino a due mesi fa il villaggio era una roccaforte del gruppo islamista al-Shabaab, che da anni tiene in scacco il paese e pur essendosi ritirato dalla capitale Mogadiscio lo scorso agosto continua a organizzare attentati contro i civili e assalti contro i soldati. Adesso Burgabo si trova sotto il controllo congiunto delle truppe del governo federale somalo e dell’esercito kenyota, che sta combattendo in Somalia contro gli islamisti e fornendo sostegno al governo.

Nell’ultimo mese nessun tentativo di avanzare all’interno del Paese ha avuto successo. Per prima cosa i finanziamenti dal governo kenyota scarseggiano sempre di più e il governo è sempre più timoroso di impegnarsi in una guerra caotica senza un appoggio chiaro da parte del presidente somalo Sheikh Shariff Ahmed e senza la condivisione da parte dei partiti somali di alcuni punti fondamentali, come quello di suddividere il paese in regioni autonome o se mantenerne l’unità, oppure se cercare un dialogo politico con al-Shabaab. L’ultimo tentativo del Kenya è di convincere la comunità internazionale a sostenere e rafforzare le entità locali che saranno poi la base per un governo nazionale efficiente.

Gli interessi del Kenya in Somalia
Mogadiscio liberata e devastata, le foto bellissime e terribili della capitale somala dopo il ritiro di al-Shabaab
Tutti gli articoli del Post sulla Somalia