• Mondo
  • giovedì 18 Agosto 2011

Mogadiscio liberata e devastata

Le foto bellissime e terribili della capitale somala dopo il ritiro delle milizie di al-Shabaab

Da circa una settimana, le milizie di al-Shabaab si sono ritirate dalla capitale della Somalia, Mogadiscio, lasciando l’intera città sotto il controllo del governo per la prima volta dopo anni di vessazioni e violenza. Il governo spera che ora sarà più facile far arrivare gli aiuti umanitari nelle zone più colpite dalla carestia degli ultimi mesi. I gruppi armati di al-Shabaab sono da tempo in lotta per rovesciare il governo somalo: controllano diverse regioni della Somalia e nel 2009 avevano imposto un blocco agli aiuti umanitari provenienti dall’estero. Ora Mogadiscio è nelle mani dei militari governativi e di quelli, prevalentemente ugandesi, della Missione dell’Unione Africana in Somalia (AMISOM), il cui intervento nel paese è approvato dalle Nazioni Unite. I militari hanno perlustrato e occupato le basi abbandonate; nella città la vita torna molto lentamente alla normalità.

Al-Shabaab si ritira da Mogadiscio
La carestia in Somalia