• Mondo
  • giovedì 8 dicembre 2011

Si combatte a Mogadiscio

I terroristi di al-Shabaab hanno lanciato un pesante attacco alle forze governative somale, quattro mesi dopo il ritiro dalla capitale

Questa mattina a Mogadiscio, capitale della Somalia, ci sono stati degli scontri tra le truppe governative somale affiancate da soldati dell’Unione africana e i militanti del gruppo islamista al-Shabaab, l’organizzazione terroristica che lo scorso 7 agosto si era ritirata da Mogadiscio per la prima volta dopo cinque anni di occupazione violenta.

Il combattimento è iniziato questa mattina poco dopo l’alba, si è svolto sostanzialmente nei quartieri settentrionali di Karan e Huriwa ed è stato uno dei più aspri degli ultimi mesi, con l’impiego di carri armati e artiglieria pesante. Ci sono numerose testimonianze di morti e feriti, ma le cifre non sono ancora definitive.

Dopo il ritiro di al-Shabaab da Mogadiscio, il governo somalo aveva assicurato di controllare saldamente la città, ma negli ultimi mesi i terroristi hanno portato a segno numerosi attentati. L’ultimo risale a martedì, quando un’autobomba ha ucciso cinque persone a Mogadiscio, mentre il giorno successivo i miliziani hanno attaccato un centro di addestramento militare a Wadajir, a sud di Mogadiscio. Gli scontri di oggi sono un colpo particolarmente duro per la credibilità del governo e secondo Will Ross, corrispondente per l’Africa orientale della BBC, hanno l’obiettivo di dimostrare alla comunità internazionale che al-Shabaab non è in difficoltà e non ha intenzione di arrendersi.

Le foto bellissime e terribili della capitale somala dopo il ritiro delle milizie di al-Shabaab

Tutti gli articoli del Post su al-Shabaab

Foto: Soldati dell’Unione africana oltrepassano un’auto esplosa a Mogadiscio, 6 dicembre 2011 (AP Photo/Farah Abdi Warsameh)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.