Visualizzate le vostre idee

Le fantasiose infografiche dal libro Information is Beautiful ci dicono chi inquina di più, chi finirà a mollo e quanti modi ci sono di fare il caffè

Qual è la scusa più usata per lasciarsi? I continenti sono davvero fatti come li vediamo sulle cartine? Quanti modi di fare il caffè esistono? Lo scioglimento dei ghiacci lascerà a mollo quali città? David McCandless ha deciso di dare a queste, e molte altre, domande una serie di risposte visive realizzando infografiche molto creative e interessanti. Sono state raccolte in un libro, “Information is Beautiful”, pubblicato in Italia da Rizzoli.

Questo libro è nato come un’esplorazione. Sommerso dalle informazioni, ero alla ricerca di un modo che mi consentisse di aggregarle e comprenderle meglio. Perché non visivamente? In un certo senso, oggi viviamo tutti nella dimensione del visivo. Ogni giorno, ogni ora, forse addirittura ogni minuto, guardiamo e assorbiamo informazioni attraverso il web. Siamo costantemente nella rete, a volte ci restiamo intrappolati. Forse quello di cui abbiamo bisogno sono schemi colorati e ben fatti – e, si spera, anche utili – che ci aiutino a navigare: una sorta di moderno atlante. Ma è possibile che un libro con il testo ridotto all’osso, pieno zeppo di diagrammi, mappe e grafici, sia anche leggibile e appassionante? Può essere divertente? Si può scherzare con i grafici? In ogni caso, ho deciso di provarci.

E così ho iniziato a sperimentare vecchi e nuovi modi per visualizzare le informazioni. Per la ricerca degli argomenti, sono partito dalle mie curiosità, dalle cose che non conoscevo, dalle domande a cui cercavo risposta. Ho evitato di soffermarmi su semplici fatti e aride statistiche, concentrandomi invece sul rapporto tra i dati, il contesto e i collegamenti che danno alle informazioni un significato profondo.
Ecco quindi questo libro, un variegato insieme di fatti e idee connessi attraverso le immagini: una miscellanea visiva, una serie di esperimenti volti a rendere le informazioni accessibili e belle. Visualizzate le vostre idee.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.