Hanno spento Tevatron

Il grande acceleratore di particelle del Fermilab di Chicago è stato disattivato, ma le scoperte sulla velocità dei neutrini potrebbero regalare un nuovo futuro al centro di ricerca

Ieri alle due del pomeriggio, una simpatica signora di settantacinque anni ha spento Tevatron, il secondo acceleratore di particelle più potente al mondo dopo il Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra. Helen T. Edwards ha azionato un tasto rosso e poi uno verde, fermando l’impianto con una circonferenza di 6,3 chilometri, che aveva contribuito a progettare e costruire negli anni Settanta.

Per un quarto di secolo, Tevatron ha dominato il campo degli studi legati alla fisica delle particelle, primato che negli ultimi anni gli era stato sottratto da LHC. L’acceleratore si trova nei pressi del Fermi National Accelerator Laboratory (Fermilab) di Batavia, vicino Chicago. Fu il primo sistema a far scontrare tra loro particelle con energia pari a un trilione di electron-volt, ovvero un TeV, termine dal quale deriva il nome dell’acceleratore. Utilizzando Tevatron fu possibile scoprire l’esistenza del “quark top”, la particella fondamentale del cosiddetto modello standard usato dai fisici per descrivere le componenti base dell’universo e di tutto quello che ci circonda.

Lo scorso anno si ventilò l’ipotesi di mantenere attivo l’acceleratore di particelle. Si pensò che potesse essere ancora utile per trovare uno dei pezzi mancanti al grande puzzle della fisica, il bosone di Higgs, che secondo i fisici conferisce una massa a tutte le altre particelle. La speranza era quella di verificarne l’esistenza prima del CERN, ma dopo una lunga discussione il Congresso decise di chiudere la struttura e lasciare che al bosone di Higgs ci pensassero i ricercatori di Ginevra.

La chiusura di Tevatron rischia di rendere marginale l’importanza del Fermilab nel campo della fisica delle particelle, ma una nuova opportunità potrebbe dare comunque un futuro al centro di ricerca, come spiega questa settimana l’Economist. Grazie alla scoperta, tutta da confermare, della scorsa settimana sui neutrini che viaggiano a una velocità superiore di quella della luce, per il Fermilab potrebbe aprirsi un nuovo futuro.

La scoperta del bosone di Higgs è importante, senza dubbio. Si tratta, tuttavia, di una teoria un po’ antiquata considerato che risale agli anni Sessanta. I neutrini più veloci della luce, se davvero esistono, sono invece qualcosa di completamente nuovo. E il Fermilab è in una bona posizione per poterli studiare. Produce già i fasci più intensi di neutrini, utilizzando un sistema che non ha nulla a che vedere con il Tevatron. Un progetto chiamato NOvA, che dovrebbe iniziare a raccogliere i primi dati a partire dalla primavera del 2013, invierà i neutrini attraverso la crosta terrestre da Batavia a un rilevatore sotterraneo distante 810 chilometri in Minnesota. Se NOvA otterrà gli stessi risultati di OPERA [il dispositivo del Gran Sasso che ha rilevato una velocità dei neutrini superiore a quella della luce, ndr] e di MINOS, allora l’era della fisica post-Einstein sarà davvero iniziata e il Fermilab ne sarà al centro.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.