L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg presenta le novità alla Facebook f8 Developer Conference a San Francisco il 22 settembre 2011 (KIMIHIRO HOSHINO/AFP/Getty Images)

Due cose da sapere sul nuovo Facebook

I profili cambiano completamente per raccontare tutto di sé e di quello che si fa, e cresce lo spazio della musica

L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg presenta le novità alla Facebook f8 Developer Conference a San Francisco il 22 settembre 2011 (KIMIHIRO HOSHINO/AFP/Getty Images)

Nel tardo pomeriggio di ieri, Mark Zuckerberg ha presentato nel corso della F8 Conference la terza generazione dei profili di Facebook. La nuova versione delle pagine personali si chiama Timeline e consente di tenere una cronologia ora per ora e giorno per giorno non solo dei contenuti condivisi con gli utenti, ma anche di interi pezzi della propria vita. «Vogliamo rendere il profilo il modo migliore in cui gli iscritti possono condividere tutto ciò che vogliono e il modo migliore perché possano esprimere chi sono» ha spiegato dal palco Zuckerbeg durante la presentazione della nuova funzione.

Timeline

Il nuovo profilo sarà diviso in tre sezioni principali. La prima si chiama “Copertina” e offre uno spazio più ampio per mettere in evidenza una foto che rappresenti al meglio l’utente (“in modo autentico”, direbbero a Facebook). Sarà la prima cosa che vedranno gli altri iscritti quando visiteranno il profilo, bella in evidenza in formato a fascia.

La parte successiva si chiama “Le tue storie” ed è la più consistente. In questa sezione del profilo saranno raccolti i post più popolari, gli avvenimenti degni di nota segnati nel proprio diario personale, gli spostamenti sulla mappa, le fotografie e altri contenuti. Tutto in ordine cronologico e diviso su due colonne, rispetto all’unica colonna centrale principale degli attuali profili.

La terza sezione, “Applicazioni”, raccoglierà invece una serie di nuove applicazioni che si integrano all’interno dei profili e che potranno essere usate per indicare le proprie preferenze e le attività che vengono svolte più spesso. Quante volte si è ascoltata una certa canzone, o quali sono i propri film preferiti o i chilometri fatti nell’ultima corsa al parco.

Alcune applicazioni saranno già disponibili per gli attuali profili nei prossimi giorni, mentre per la nuova Timeline occorrerà aspettare qualche settimana. Ci si può iscrivere qui cliccando su “Effettua l’aggiornamento” per essere tra i primi ad avere il nuovo profilo.

Secondo Zuckerberg i nuovi profili consentiranno di perdere meno aggiornamenti dei propri amici. Il sistema permette di andare facilmente a ritroso nel tempo e di rimanere aggiornati con più semplicità, rendendo meno effimere le cose nuove che vengono inviate e condivise dagli amici.

Fare tutto su Facebook
Le nuove applicazioni maggiormente integrate nel sistema consentono di ascoltare musica, vedere video e leggere direttamente all’interno del social network senza dover andare su altri siti. L’idea è quella di dare agli iscritti un solo luogo in cui possono praticamente trovare tutto ciò di cui hanno bisogno, condividendo naturalmente i loro gusti con gli amici.

L’accordo con Spotify, il servizio per la musica in streaming, permetterà di ascoltare le canzoni direttamente su Facebook e di condividere l’ascolto con i propri amici. Gli aggiornamenti in tempo reale su questo tipo di attività compariranno in alto a destra nelle pagine del social network in un nuovo elenco, che si aggiorna da solo quando i propri amici condividono nuove cose sul sito. La disponibilità di molti servizi sarà limitata geograficamente per ragioni di copyright e licenze. Tra chi ha accettato di creare le nuove applicazioni per Facebook ci sono anche il Guardian, Mashable, Yahoo, Digg, Flipboard.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.