• Cultura
  • martedì 6 settembre 2011

I dischi volanti in Albania

Vincenzo Latronico racconta la grande truffa che travolse l'Albania nel 1997, intorno alla quale ruota un pezzo del suo romanzo

di Vincenzo Latronico

I dischi volanti del capitale atterrarono in Albania nel 1991, alla spicciolata; ne ripartirono tutti insieme nel 1996, fiammeggiando i motori, lasciando al decollo sotto di sé solo cerchi nerastri di utopia bruciata. Gli albanesi accolsero in festa i visitatori giunti dalla lontana galassia del libero mercato, che avevano attraversato il tempo e lo spazio e il muro di Berlino per trasportare ceste di doni. Fra questi doni c’erano automobili, televisori, vestiti firmati, e istituti di credito non statalizzati. Questi ultimi furono al centro di una truffa finanziaria di proporzioni colossali: se non per il valore nominale (un paio di miliardi di dollari), per l’impatto che ebbe sull’economia di un intero paese, l’Albania – e sulla vita pubblica di un altro, l’Italia. Ve li ricordate i barconi?

Il tredicimila percento
Ipotizziamo di aver affidato 100 milioni di lire, nel gennaio 1992, a una delle numerose banche private sorte rapidamente nel vuoto legislativo lasciato, in Albania, alla fine del regime socialista di Enver Hoxha. Nel gennaio 1993 avremmo avuto nel nostro conto circa 201 milioni. Nel gennaio 1995, circa 944. Nel gennaio 1996 avremmo avuto 13 miliardi e 270 milioni – con un rendimento, su quattro anni, del tredicimila percento – da scontare per un’inflazione altina, ma comunque mai sopra i 9-10 punti.

Nel 1997, invece, non avremmo avuto niente: perché in seguito all’insolvenza della prima finanziaria il governo, troppo tardi, aveva congelato i conti degli istituti privati che non erano ancora falliti. Complessivamente, le passività di quegli istituti ammontavano circa alla metà del PIL nazionale.

Che cosa era successo
In Albania si era sviluppata una colossale truffa piramidale – un cosiddetto schema Ponzi, più noto, di recente, per il caso dell’americano Bernie Madoff o del suo equivalente dei Parioli. Il funzionamento di queste truffe è semplicissimo: l’istituto promette un rendimento irragionevolmente alto, corrisposto periodicamente, a fronte di un investimento iniziale modesto. Gli investitori iniziali, vedendo che, alle prime scadenze, i soldi arrivano davvero, diffondono la voce – magari incentivati da un piano di benefici per chi porta nuovi clienti. Naturalmente, gli interessi distribuiti dalla finanziaria (quando non sono reinvestiti) provengono dalla cifra versata all’inizio dall’investitore stesso.
Nuovi clienti cominciano ad arrivare: e i loro depositi finanziano gli interessi, sempre più onerosi, dovuti ai sottoscrittori precedenti. Lo schema, è evidente, funziona solo fintanto che i nuovi sottoscrittori superano in numero quelli preesistenti (da qui il nome “piramidale”): e, in qualunque popolazione finita, è destinato a fallire. Il fallimento arriva molto rapidamente, dal momento che, per incoraggiare l’afflusso di nuovi capitali, gli interessi offerti tendono a salire con una certa rapidità. In Albania, nel 1992, erano in genere del 6% mensile; due anni dopo erano passati all’8%; due anni ancora e sfrecciavano dal 12% al 30%.

Come è stato possibile
Nei paesi europei (e non solo), un’offerta così palesemente conveniente non sarebbe possibile: non solo perché la legge lo vieta, ma perché la popolazione, anche quella più a digiuno di finanza, tenderebbe a non fidarsi di una banca sorta dal nulla che offrisse di triplicare il capitale in tre mesi. Tutto questo, in Albania, non c’era.

La transizione dall’economia pianificata (avviata nel 1991) aveva lasciato vuoti di regole enormi, soprattutto in materia economico-finanziaria. Le banche statali, inoltre, soffrivano di procedure estremamente rigide, e spesso non erano in grado di soddisfare l’altissima domanda di credito generata dal passaggio alla libera impresa. I bisogni dei nuovi piccoli imprenditori o aspiranti commercianti avevano favorito così il proliferare di un sistema di credito semi-informale, reso fruttuoso, a propria volta, dalla rapidissima crescita dell’economia nazionale. Questo sistema era inoltre tollerato dalle autorità, che – non senza alcune ragioni – lo vedevano come necessario allo sviluppo del paese. È su questo terreno – sulla clientela, e sulla fiducia di cui godevano – che hanno affondato le radici le piramidali.
Un altro fattore cruciale è stata la scarsa dimestichezza della popolazione albanese con i meccanismi della finanza capitalista – e le aspettative irragionevoli circa la loro capacità di generare ricchezza. L’Albania (come raccontato benissimo nel film Lamerica) usciva da quarant’anni di isolamento assoluto; all’arretratezza, ben più grave di quella del blocco sovietico, si sommavano i miraggi o le voci o le illusioni sul benessere in cui vivevano in quell’altro pianeta, dall’altra parte dell’Adriatico. Era da lì che venivano i dischi volanti.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.