Ramallah, Cisgiordania. (Uriel Sinai/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 16 Maggio 2011

Le foto della Nakba

Le proteste e gli scontri di ieri in Israele e in Cisgiordania, visti da vicino

Ramallah, Cisgiordania. (Uriel Sinai/Getty Images)

Le manifestazioni di ieri durante la Nakba – “il giorno della catastrofe”, quello con cui nel mondo arabo e in particolare in Palestina si indica il giorno della nascita dello stato di Israele – hanno provocato moltissimi scontri nei confini israeliani con Libano e Siria. Sei persone sono morte nella cittadina libanese di Maroun al Ras, dieci nel villaggio di Majdal Shams, sulle alture del Golan: i manifestanti avevano sconfinato dalla Siria nel territorio controllato da Israele e lì si sono scontrati con i soldati. A Tel Aviv un camion si è scontrato con alcuni veicoli investendo diversi pedoni. Almeno una persona è morta e molte sono rimaste ferite in quello che sembra essere stato un attacco deliberato. Nella Striscia di Gaza fonti locali parlano di un giornalista colpito e ucciso a Beit Hanoun e di un ragazzo palestinese rimasto ucciso dal fuoco dei soldati israeliani nella zona del valico di Erez, sempre nel nord della Striscia, dove una settantina sarebbero i feriti. Le foto sono di Uriel Sinai e Jalaa Marey per Getty Images.