• Mondo
  • domenica 15 Maggio 2011

Strauss-Kahn arrestato a New York

Il direttore dell'FMI è accusato di avere violentato una cameriera di un albergo a New York

Si sarebbe probabilmente candidato alle prossime elezioni presidenziali francesi contro Nicolas Sarkozy

Aggiornamento delle 14.50 – Strauss-Kahn dovrebbe comparire oggi stesso in tribunale a New York intorno alle 12 ora locale, le 18 in Italia. L’avvocato Benjamin Brafman ha detto alla Reuters che il suo cliente si dichiarerà «non colpevole». Il portavoce della polizia di New York, Paul Browne, ha riportato il racconto della cameriera trentaduenne che avrebbe subito l’assalto di Strauss-Kahn nella camera 2806 del Sofitel di Manhattan: «Ci ha detto che lui è uscito nudo dalla stanza da bagno, l’ha raggiunta nell’ingresso e l’ha trascinata nella camera da letto. Lì, ha cominciato a molestarla. A un certo punto lei è riuscita a svincolarsi, allora lui l’ha ripresa e trascinata in bagno, dove ha tentato di nuovo di stuprarla». Quando la donna è riuscita a liberarsi e uscire dalla stanza, è corsa a chiamare la polizia ma quando gli agenti sono arrivati Strauss-Kahn aveva già lasciato l’albergo per andare in aeroporto. Nella stanza hanno ritrovato il suo cellulare, che sembra avere dimenticato nella fretta.

***

Dominique Strauss-Kahn, direttore generale del Fondo Monetario Internazionale e possibile candidato alle prossime elezioni presidenziali francesi contro Nicolas Sarkozy, è stato arrestato con l’accusa di avere violentato una cameriera di un albergo di New York. Il politico francese è stato fermato ieri dalla polizia sul volo Air France che dall’aeroporto JFK lo avrebbe riportato a Parigi. L’accusa sostiene che Strauss-Kahn sarebbe saltato addosso alla cameriera dopo essere uscito dalla doccia e avrebbe abusato di lei due volte.

Il presidente del Fondo Monetario è sposato con una nota giornalista televisiva francese, Anne Sinclair, newyorchese di nascita. Qualche anno fa era già stato coinvolto in un altro incidente a sfondo sessuale. Proprio all’interno del Fondo Monetario era stato accusato di avere intrapreso una relazione con una delle sue subordinate, Piroska Nagy, responsabile del board africano. La donna fu poi trasferita alla Banca centrale europea, il presidente ammise di avere «commesso un errore» ma rimase al suo posto.

Lo scandalo lascia il Fondo monetario internazionale senza guida in una fase cruciale per le relazioni con le autorità europee, impegnate nelle complesse operazioni di salvataggio di Grecia e Portogallo. Oggi Strauss Kahn era atteso dalla Merkel a Berlino per discutere della crisi economica greca. I due avrebbero dovuto analizzare le possibili modifiche al piano di salvataggio predisposto per Atene.