• Mondo
  • giovedì 12 Maggio 2011

John Demjanjuk è stato condannato

Il 91enne ucraino è stato dichiarato colpevole per aver partecipato all'omicidio di circa 28.000 prigionieri di un lager nazista

Dopo un processo durato diciotto mesi, John Demjanjuk è stato dichiarato colpevole a Monaco di Baviera, per aver collaborato all’uccisione di circa 28.000 persone nel periodo in cui è stato una guardia reclutata dalle SS nel campo di concentramento di Sobibor, in Polonia. La pena è di cinque anni di carcere (l’accusa ne aveva richiesti sei) e la difesa ha già annunciato che ricorrerà in appello.

Demjanjuk non era accusato di alcun crimine specifico e non ci sono testimoni del fatto che abbia mai ucciso nessuno. Ma l’argomento dell’accusa era che, una volta dimostrata la sua presenza a Sobibor, la sua collaborazione agli omicidi era da ritenersi inevitabile. È la prima volta che un argomento di questo tipo viene usato in un tribunale tedesco, e un legale delle famiglie delle vittime di Sobibor aveva dichiarato prima del verdetto all’agenzia Associated Press:

«Se viene confermata la tesi dell’accusa, e se viene emesso un verdetto per concorso in omicidio perché una persona era guardia in un campo dove molte altre sono state uccise, potrebbe essere l’inizio di una nuova ondata di molti altri procedimenti simili».

Demjanjuk aveva assistito alle fasi finali del processo disteso su un letto e assistito da un interprete. Quando gli è stato chiesto se intendeva rilasciare una dichiarazione finale, ha risposto solamente con un “no”. L’uomo ha sempre negato di essere stato una guardia in un campo di concentramento e ha detto di aver passato gran parte della guerra come prigioniero di guerra dei tedeschi.

foto: Johannes Simon/Getty Images