• Mondo
  • martedì 3 Maggio 2011

Chi sono i Navy Seals

Quelli che hanno ucciso bin Laden: e non c'entrano con le foche, no

L’operazione militare di domenica scorsa per scovare e uccidere Osama bin Laden nel proprio nascondiglio di Abbottabad, in Pakistan, è stata principalmente condotta dagli uomini delle United States Navy SEALs, le forze speciali d’élite della Marina statunitense. Gli appartenenti al commando si sono calati dagli elicotteri Black Hawk, quattro di cui due di rinforzo, e in pochi minuti hanno eseguito gli ordini uccidendo cinque persone, bin Laden compreso, e ferendone altre due. Il corpo del leader di al Qaida è stato poi trasportato in Afghanistan in elicottero e successivamente gettato nel Mar Arabico dopo una breve cerimonia, secondo rito islamico, sulla portaerei statunitense Carl Vinson.

SEAL è un acronimo: sta per SEa, Air and Land (mare, aria e terra) e queste particolari forze speciali furono organizzate a partire dalla Seconda guerra mondiale. Inizialmente il loro compito era quello di eseguire perlustrazioni e ricognizioni per guidare poi lo sbarco dei contingenti degli Alleati che combattevano contro il nazifascimo. Una prima scuola di addestramento fu fondata nel 1942, ma solamente a partire dagli anni Sessanta le forze di élite vennero ulteriormente specializzate in seguito alla decisione dell’allora presidente, John F. Kennedy, di formare reparti speciali per la guerra non convenzionale da utilizzare nelle aree del sud-est asiatico.

Uno stanziamento di 100 milioni di dollari portò alla formazione delle prime unità, appositamente addestrare per agire su terra, mare e aria. L’addestramento delle prime US Navy SEALs prevede anche il combattimento corpo a corpo, il paracadutismo e lo studio delle lingue straniere dei luoghi in cui le unità vengono poi impiegate. Negli anni queste forze scelte hanno avviato una stretta collaborazione con i servizi segreti e, oltre alla recente operazione in Pakistan per uccidere bin Laden, da molti anni l’intelligence americana usa le US Navy SEALs nelle aree di guerra dell’Iraq e dell’Afghanistan.

La parola SEAL in inglese significa foca e così capita che a volte informalmente ci si riferisca a queste unità parlando di “foche”. Di fatto non c’è alcun nesso tra la scelta di chiamare le unità speciali SEALs e i mammiferi, benché volendo ci siano in comune la capacità di muoversi sia in mare che – le foche un po’ peggio – sulla terra (ma le foche  in aria no).

foto di NIGEL TREBLIN/AFP/Getty Images