• Mondo
  • lunedì 25 aprile 2011

Traballa il governo di Naoto Kan

Il primo ministro rischia di dover dare le dimissioni dopo i risultati delle elezioni locali di ieri

Il Partito Democratico di Kan non è riuscito a trovare un candidato per la prefettura di Aichi

Il primo ministro del Giappone Naoto Kan rischia di essere costretto a dare le dimissioni dopo che ieri il suo partito, Partito Democratico, ha perso un seggio chiave in Parlamento alle ultime elezioni locali. Il risultato ha evidenziato l’insofferenza ormai generalizzata nei confronti del governo e del suo modo di gestire la crisi seguita al disastro nucleare di Fukushima.

Il seggio della camera bassa del Parlamento è andato a Hideki Niwa, rappresentante del rivale Partito Liberale Democratico. Il Partito Democratico di Kan non è riuscito a trovare un candidato disposto a presentarsi nella prefettura di Aichi, nel Giappone centrale, perché sembra che nessuno abbia voluto associare il suo nome a quello di un partito considerato ormai agonizzante. La prefettura di Aichi era considerata una roccaforte del Partito Democratico.

Il Giappone ha avuto negli scorsi anni una storia disastrosa di premier dimissionari e governi di breve durata. Naoto Kan è in carica da giugno 2010.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.