I Winklevoss hanno perso la causa contro Zuckerberg

Si accontentino dei soldi ottenuti con l'accordo del 2008, ha detto una corte d'appello americana

Ieri Mark Zuckerberg ha vinto una causa legale contro Cameron e Tyler Winklevoss, i suoi ex compagni di università a Harvard che lo accusano di aver creato Facebook rubando una loro idea (“Harvard Connection”, rinominato poi ConnectU). Una corte d’appello degli Stati Uniti ha stabilito infatti che i gemelli Winklevoss devono accontentarsi del risarcimento in contanti e in azioni di Facebook pari a 65 milioni di dollari, ottenuti con l’accordo sottoscritto nel 2008.

I Winklevoss avevano aperto una nuova causa contro Zuckerberg accusandolo di aver mentito sul reale valore di Facebook al momento di determinare il valore del risarcimento, sostenendo di avere quindi diritto a una somma maggiore. Facebook non aveva mai calcolato il valore delle sue azioni ed erano stati i gemelli a calcolarlo basandosi su un comunicato stampa diffuso dall’azienda qualche mese prima. I gemelli sostengono che Zuckerberg avrebbe potuto fornire una valutazione più recente del valore di Facebook. Uno degli avvocati dei Winklevoss ha detto che i suoi clienti chiederanno una nuova udienza a una giuria più numerosa, tentando di ribaltare la sentenza. Se il distretto giudiziario dovesse respingere un nuovo appello, i gemelli potrebbero solo fare ricorso alla Corte Suprema.

In realtà il risarcimento già ottenuto dai Winklevoss ammonterebbe al momento a circa 120 milioni di dollari, perché una parte è stata pagata in azioni il cui valore è aumentato negli anni. Se dovessero vincere la nuova causa, il loro risarcimento potrebbe raggiungere i 250 milioni di dollari. Sempre ieri, riporta la Reuters, una persona di New York avrebbe citato in giudizio Zuckerberg facendo riferimento a una email nella quale il fondatore di Facebook parlava della necessità di lanciare il suo sito prima che “un paio di studenti più anziani” lanciassero il loro, apparentemente in riferimento ai gemelli Winklevoss.

La disputa giudiziaria tra Zuckerberg e i gemelli Winklevoss è stata raccontata nel film The Social Network scritto da Aaron Sorkin (The West Wing, Codice d’Onore), diretto da David Fincher (Zodiac, Fight Club, Seven) e vincitore di tre premi Oscar.

foto: Justin Sullivan/Getty Images