Troppa scelta ci rende stupidi

La copertina di Newsweek torna ad analizzare come Internet modifica il nostro modo di pensare

di Emanuele Menietti

Nei giorni della perdita di petrolio in Louisiana, causata dell’esplosione della piattaforma petrolifera della BP, l’ammiraglio della Guardia costiera Thad Allen era incaricato di gestire la crisi e riceveva ogni giorno tra le 300 e le 400 pagine di email, messaggi di vario genere e rapporti sull’incidente nel Golfo del Messico. La quantità di informazioni era tale da non essere gestibile e secondo il responsabile fu una delle cause degli errori negli interventi nei primi giorni dell’emergenza. Più di recente, l’eccessiva quantità di informazioni ha mandato fuori strada la CIA, tanto da spingere il suo direttore Leon Panetta a dire al Congresso degli Stati Uniti che Hosni Mubarak si sarebbe dimesso, eventualità che venne smentita poche ore dopo da un messaggio alla nazione del presidente, che annunciava di non volersene andare.

Troppe informazioni mi attraversano il cervello
Troppe informazioni mi fanno impazzire
(Too much information, The Police, 1981)

L’eccessiva quantità di informazioni o di opzioni per compiere una scelta mette in difficoltà il nostro cervello, come spiega Sharon Begley in un lungo articolo per Newsweek che dà nuovi spunti per il ricco dibattito su come Internet modifichi il nostro modo di pensare. Il tema in questo caso è quello che ci fa dire a volte “OK, a un certo punto basta analisi, indagini e riflessioni: bisogna decidere e agire”. Una volta era più facile.

Che la nostra mente fatichi a orientarsi e a decidere quando ha troppe informazioni è noto ormai da secoli, eppure negli ultimi anni il problema si sarebbe acuito a causa delle nuove tecnologie e della Rete, mezzi che ogni giorno ci investono con quantità enormi di nuove informazioni. Begley ha parlato con alcuni scienziati che stanno facendo ricerche su questi aspetti.

La scienza che si occupa delle decisioni, in piena espansione, ha dimostrato che un maggior numero di informazioni può portare a scelte oggettivamente più povere, e a scelte di cui le persone poi si pentono. Ha spiegato che un sistema inconscio guida buona parte delle nostre scelte, e che può essere messo in panchina da troppe informazioni. Ha anche dimostrato che le decisioni che richiedono maggiore creatività beneficiano nel lasciare che il problema rimanga in incubazione al di sotto del livello di consapevolezza: qualcosa che diventa difficile quando le informazioni non smettono mai di arrivare.

Il flusso continuo di stimoli e dati ci lascia meno possibilità di concentrarci per effettuare una scelta efficace, dicono i ricercatori. La nostra mente viene distratta, si focalizza meno sulla questione e spesso si lascia ingannare. La scienza che si occupa delle decisioni ha isolato alcune tendenze che sono tipiche di questo fenomeno.

Fallimento totale nel decidere
Se sono investite da un numero eccessivo di informazioni, le persone tendono a non compiere una scelta. Nel 2004 uno studio condotto da Sheena Iyengar della Columbia University ha dimostrato che più dati ricevono le persone, più la loro partecipazione diminuisce. Il livello è sceso dal 75 al 70 percento quando il numero di scelte è passato da due a undici, e al 61 percento quando le opzioni sono diventate 59. I partecipanti all’esperimento si sono sentiti sopraffatti dall’eccessivo numero di scelte e hanno lasciato perdere.

Altri studi hanno dimostrato che, per esempio, quando si tratta di fare un acquisto online, la qualità dei prodotti acquistati è migliore se i clienti devono scegliere tra dieci diverse opzioni ed è peggiore se devono scegliere tra cinquanta. E troppe scelte portano spesso a non scegliere, facendo sì che i clienti rinuncino al loro acquisto.

Rimpianto per la scelta
Più le persone hanno informazioni a disposizione, più e probabile che in un secondo momento si pentano della scelta che hanno fatto. Nel 2006 Iyengar ha testato questo assunto analizzando le ricerche di lavoro da parte degli studenti dei college americani. Dalla ricerca è emerso che più gli studenti ottenevano informazioni da diverse fonti sui possibili lavori, più si mostravano insoddisfatti dalla loro scelta finale.

Sapevano così tante cose, consciamente o inconsciamente, che alla fine potevano immaginare facilmente i motivi per cui un lavoro non scelto potesse essere migliore. In una realtà con informazioni limitate, il rimpianto per le decisioni che prendiamo diventa meno frequente. Siamo infastiditi dal fatto che trovare il meglio sia impossibile.

Uno dei motivi, spiega Iyengar, è dovuto dal fatto che la nostra mente è in grado di tenere in considerazione circa sette cose per volta, mentre se ci sono informazioni aggiuntive è necessario un aiuto da parte della memoria a lungo termine. Il nostro cervello deve così scegliere, eliminare il superfluo e cercare di mantenere in evidenza le informazioni chiave. Se ci sono troppi dati, fatichiamo a valutare le variabili e a selezione ciò che è più importante, sentendoci alla fine insoddisfatti per le scelte che abbiamo compiuto.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.