• Mondo
  • domenica 27 febbraio 2011

Il palazzo di Gheddafi a Bengasi

Vasca idromassaggio, generatori di emergenza e un bunker antiatomico, nel video girato da Al Jazeera

Un’inviata di Al Jazeera è andata a dare un’occhiata nel palazzo di Gheddafi a Bengasi, la prima città della Libia a liberarsi completamente dal regime. Il palazzo è stato semidistrutto e in parte saccheggiato dai ribelli: ora chiunque può entrare ed esplorare tranquillamente quella che fino a pochi giorni fa era una fortezza inavvicinabile. Il palazzo è circondato da splendidi giardini, ha una piscina interna, una sauna e una vasca da bagno con idromassaggio. Nelle sue fondamenta si nasconde un bunker, in cui Gheddafi si sarebbe potuto rifugiare per diversi mesi in caso di attacco nucleare. Il bunker è attrezzato con un sistema per il filtraggio dell’aria e ha generatori di emergenza, un allarme antincendio, diverse pompe per rifornirsi d’acqua e una scala che porta a una seminascosta uscita di emergenza, in caso di fuga.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.