• Italia
  • martedì 22 febbraio 2011

L’Italia e Gheddafi: l’album dei ricordi

Un album fotografico sull'affettuosa amicizia tra il tiranno libico e Silvio Berlusconi (ma non solo)

Certo, ci sono i buoni rapporti diplomatici. Certo, ci sono gli interessi nazionali. Certo, c’è la vicinanza geografica. Ma alla fine della catastrofe libica di cui il colonnello Gheddafi si sta rendendo responsabile e suo figlio Saif complice, ci saranno paesi del mondo che potranno essere fieri di non avere foto come queste da nascondere, e paesi che invece no. E se soprattutto il rapporto con Berlusconi è stato particolarmente sgradevole e intollerabile nelle sue esibizioni di affetto e servilismo, a non prendere le opportune distanze dal tiranno sono stati però anche altri, nel loro piccolo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.