• Sport
  • giovedì 3 Febbraio 2011

Le partite di ieri in Europa

Segnare un gol difficilissimo, sbagliarne uno facilissimo, mettersi a piangere e vincere

Nonostante fossimo ancora ben lontani dal fine settimana, ieri e l’altro ieri sono state giornate di partite di calcio in Italia, in Inghilterra e in Spagna. Turno infrasettimanale di campionato per le prime due, semifinali di Coppa del Re per la Spagna: molte cose interessanti, qualche bel gol e molti esordi di giocatori che hanno cambiato squadra al mercato di gennaio.

Inghilterra
La Premier League è stata il luogo degli affari più costosi di questo mercato: Torres dal Liverpool al Chelsea, Suarez dall’Ajax al Liverpool, Carroll dal Newcastle al Liverpool. Martedì sera erano arrivate le vittorie del Manchester United sull’Aston Villa, forte di un Rooney ritrovato, del Chelsea in trasferta sul Sunderland, quattro a due al termine di una partita molto divertente, quella dell’Arsenal sull’Everton per due a uno. Insomma, le squadre con velleità di alta classifica sono scese in campo ieri sera sapendo che non potevano sbagliare. Il Liverpool c’è riuscito: due gol allo Stoke City, Meireles e Suarez, e settimo posto in classifica consolidato. Qualche mese fa sembrava un traguardo lontanissimo. Il Tottenham con un gol di Crouch si è sbarazzato del Blackburn in trasferta. Chi delude è il Manchester City, che pareggia due a due contro il Birmingham e dice forse definitivamente ciao ciao alla vetta della classifica. Domenica alle 17 si gioca Chelsea – Liverpool.

Spagna
Semifinali di Coppa del Re. Per quanto potremmo anche fermarci qui e passare oltre, che tanto sapete già chi è arrivato in finale, vi raccontiamo com’è andata. Il Barcellona pieno di riserve ha battuto tre a zero in trasferta l’Almeria, che aveva già asfaltato cinque a zero in casa: gol di Adriano, Thiago e Afellay, uno che probabilmente può fare la riserva solo al Barcellona. Il Real si trovava davanti il Siviglia, avversario di altro spessore: all’andata gli uomini di Mourinho avevano vinto fuori casa uno a zero, al ritorno quindi si gioca per difendere il risultato e ripartire in contropiede. Cosa che accade puntualmente quando Ozil lanciato a rete da Khedira salta il portiere e chiude la questione. Poi, all’ultimo minuto, arriva anche il primo gol di Adebayor. La finale si giocherà il 20 aprile, a due o tre giorni dal turno di campionato che vedrà opposti sempre Real Madrid e Barcellona.

https://www.youtube.com/watch?v=AIxyWxJLBKg

1 2 Pagina successiva »