• Mondo
  • lunedì 1 novembre 2010

Un pacco bomba dalla Grecia per Sarkozy

L'ordigno è stato scoperto dalle autorità di Atene in seguito all'esplosione di un altro pacco nel magazzino di un corriere

Questa mattina la polizia greca ha identificato un pacco esplosivo indirizzato al presidente francese Nicolas Sarkozy. La scoperta è stata resa possibile in seguito all’esplosione di un altro pacco nel magazzino di una società di spedizioni di Atene. Oltre al pacco esplosivo per Sarkozy, gli altri rinvenuti erano destinati alle ambasciate del Belgio, dei Paesi Bassi e del Messico.

Il pacco esploso presso la società di spedizioni ha ferito seriamente un’impiegata che si trovava sul posto. Le forze dell’ordine hanno fatto brillare gli altri pacchi sospetti poche ore dopo.

Secondo un portavoce delle autorità greche, tra i pacchi bomba rinvenuti ad Atene e i pacchi esplosivi inviati venerdì scorso da Al Qaida dallo Yemen verso gli Stati Uniti non vi sarebbe alcun legame. Le indagini sono già in corso e gli inquirenti avrebbero già identificato i possibili responsabili dell’iniziativa. Stando alle prime informazioni, si tratterebbe di due attivisti greci appartenenti a un gruppo di estrema sinistra.