• Sport
  • martedì 14 settembre 2010

Ma quindi come va il Foggia di Zeman?

Va alla Zeman, diciamo: vince 3-0, perde 5-3, pareggia 4-4

Ci siamo già occupati di Zdenek Zeman e del suo ritorno sulla panchina del Foggia, e chi segue il calcio sa che l’uomo non ha bisogno di presentazioni. Per tutti gli altri, breve riassunto delle puntate precedenti: Zdenek Zeman è uno dei più ammirati allenatori di calcio che si trovino in circolazione, adorato al punto da essere stato oggetto di documentari, da essere stato in grado di allenare la Roma e la Lazio senza che questo facesse infuriare i tifosi dell’una o dell’altra squadra. Questo perché Zeman è un personaggio letterario, e letterario è il modo in cui fa giocare le squadre che allena, con un gioco offensivo e al limite della praticabilità. Per comprendere la sua distanza dai dogmi del calcio, basti sapere che Zeman ripete sempre ai suoi giocatori che fare spettacolo è più importante che fare risultato.

Il mito di Zeman nasce a Foggia negli anni Novanta – il “Foggia dei miracoli”, appunto – ed è a Foggia che Zeman è tornato ad allenare qualche mese fa, per tentare di portare la squadra nuovamente in serie B. Il campionato è cominciato da quattro partite e Zeman non ha tradito le attese: una vittoria, un pareggio e due sconfitte, per una squadra la cui età media è ventuno anni e mezzo.

Cavese – Foggia 0 – 3

Prima partita, prima vittoria: il Foggia segna tre gol e quasi ne fa altrettanti. Non fatevi stupire dal fatto che al calcio d’inizio si lancino in quattro dentro la metà campo avversaria: vedrete di meglio.
https://www.youtube.com/watch?v=EwHjzhTG9jk

Foggia – Lucchese 2 – 3

Il Foggia praticamente non gioca il primo tempo, e la Lucchese segna solo due gol grazie alle formidabili parate del portiere Ivanov. Zeman cambia i due terzini nell’intervallo e il Foggia segna prima l’uno a due e poi il due a due. Si riversa in attacco per segnare il gol della vittoria ma su un contropiede della Lucchese Ivanov atterra un attaccante, all’ultimo minuto: rigore, gol e vittoria della Lucchese.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.