• Mondo
  • martedì 14 Settembre 2010

Dov’era bin Laden

Un ex ufficiale dell'intelligence racconta quanto gli Stati Uniti siano stati vicini a catturarlo

Per due anni avrebbero tracciato con esattezza i suoi movimenti, senza mai riuscire a raggiungerlo

Secondo la testimonianza di un ex ufficiale, l’intelligence occidentale sarebbe arrivata a un passo dalla cattura di Osama bin Laden. L’ex ufficiale ha dichiarato a CNN che poco dopo gli attacchi dell’Undici Settembre, in particolare tra il 2003 e il 2004, gli Stati Uniti erano riusciti a tenere a lungo traccia degli spostamenti dell’uomo di riferimento di Al Qaida, senza mai riuscire però a raggiungerlo. La zona in cui si spostava era quella al confine tra Afghanistan e Pakistan.

Circa nove anni fa, poco dopo l’attentato, bin Laden e altri suoi uomini fuggirono dalle cave nelle montagne di Tora Bora in cui erano rifugiati. Secondo le testimonianze, per diversi mesi bin Laden avrebbe avuto difficoltà a comunicare con suoi a causa della pressione dell’inseguimento americano. Pian piano al Qaida sarebbe poi riuscita a costruire una rete per le comunicazioni e bin Laden si sarebbe addirittura incontrato con Khalid Sheikh Mohammed, la mente dietro gli attentati dell’undici settembre.

I servizi d’intelligence occidentale sarebbero sì riusciti a disegnare una mappa degli spostamenti del terrorista, ma non sarebbero mai riusciti ad avere informazioni abbastanza fresche. In un gioco al gatto e al topo, gli Stati Uniti arrivavano nei posti in cui era passato bin Laden poco dopo la sua dipartita. In un caso erano riusciti a ottenere la sua posizione esatta di una settimana prima. Bin Laden si muoveva soprattutto nelle aree rurali del Pakistan, ma secondo l’ex ufficiale si sarebbe spinto diverse volte in Afghanistan nonostante la presenza di migliaia di soldati americani.

L’ex ufficiale ha detto a CNN di non sapere perché, ma dal 2004 le informazioni sugli spostamenti di bin Laden sono sensibilmente diminuite. Secondo le poche che si hanno dovrebbe trovarsi sempre nella stessa zona ed essere in contatto con al-Zawahiri, ma pochi altri.

Ora bin Laden si starebbe concentrando più sulla “direzione strategica” dell’organizzazione di al Qaida piuttosto che sul partecipare direttamente alla messa in atto di attentati terroristici, ha detto l’ex ufficiale. […] Le autorità dell’intelligence degli Stati Uniti hanno voluto smorzare le speranze che bin Laden possa essere catturato presto. Lo scorso luglio il direttore della CIA Leon Panetta ha dichiarato che negli ultimi anni si sono avuto pochissime informazioni sui suoi movimenti.