• Sport
  • sabato 10 Luglio 2010

La partita più inutile del mondiale

Stasera Germania e Uruguay si giocano il terzo posto in una finale che conta poco ma solitamente diverte

Questa sera Germania e Uruguay si giocheranno – i tedeschi per la seconda volta consecutiva – il terzo posto ai mondiali di calcio, in quella finale di consolazione che molti considerano superflua e gli stessi giocatori, amareggiati per aver mancato la finale e desiderosi di andare in vacanza, non sono sempre contentissimi di giocare. Qui al Post siamo favorevoli alla finale tra terzo e quarto posto – la cosiddetta finalina – un po’ perché arrivare terzi e sul podio è comunque meglio che arrivare quarti, e allora vinca il migliore; un po’ perché in fin dei conti si tratta sempre di una partita in più dei mondiali, e non ce ne saranno per i prossimi quattro anni. Inoltre stasera ci si gioca qualcosa di più del semplice terzo posto ai mondiali in Sudafrica. La Germania si gioca il terzo piazzamento consecutivo tra le prime tre squadre al mondo, e tra le sue file Miroslav Klose si gioca il titolo di miglior marcatore della storia dei mondiali: gli basta segnare un gol per passare alla storia. L’Uruguay invece è atteso al miglior risultato dal 1950 questa parte, a coronamento di un mondiale strepitoso.

In attesa che le due squadre scendano in campo a Port Elizabeth, vediamo come sono andate le finali per il terzo posto nelle passate edizioni dei mondiali. Nel 1930 non ci fu nessuna finale per il terzo posto, nel 1934 vinse la Germania, nel 1938 vinse il Brasile. Due edizioni dei campionati del mondo saltano a causa della seconda guerra mondiale e si arriva ai mondiali del 1950, il cui titolo – vinto dall’Uruguay – non venne assegnato da una finale secca bensì al termine di un girone finale che comprendeva quattro squadre: niente finale per il terzo posto, insomma. L’Uruguay avrà la peggio nella finale per il terzo posto del 1954, vinta dall’Austria in quello che è rimasto fino a oggi come il suo miglior piazzamento nella storia dei mondiali. La finale del 1958 fu invece una delle più spettacolari di tutti i tempi, e vide la Francia imporsi sulla Germania Ovest per sei a tre.

Nel 1962 è il Cile ad aggiudicarsi la terza posizione, battendo nella finalina la Jugoslavia; nel 1966 il Portogallo di Eusebio avrà la meglio sull’Unione Sovietica. Nel 1970 la finale tra terzo e quarto posto fu giocata dalle stesse squadre che andranno in campo stasera: Germania (Ovest) e Uruguay. Nonostante la Germania venisse dalla massacrante semifinale giocata contro l’Italia – “la partita del secolo”, quella lì – riuscì a spuntarla con una rete di Overath.

Nel 1974 la finale per il terzo posto vede la vittoria della Polonia sul Brasile, nel 1978 la bella Italia di Bearzot è sconfitta dal Brasile. Nel 1982 la Polonia conquista un nuovo terzo posto, battendo tre a due la Francia di Platini che si riscatterà quattro anni dopo, nel 1986, facendo fuori il Belgio nella finalina. Nel 1990 invece toccò nuovamente a noi giocare la finale per il terzo posto, e ce la aggiudicammo battendo l’Inghilterra con reti di Baggio e Schillaci.

Nel 1994 la Svezia liquida la Bulgaria con quattro reti, nel 1998 la Croazia la spunta contro la bella Olanda di van Gaal, uscita per un pelo contro il Brasile in semifinale. Nel 2002 la Turchia si aggiudica il podio a spese della Corea del Sud, nel 2006 vince proprio la Germania – all’epoca padrone di casa – battendo il Portogallo. Stasera la Germania parte come favorita, ma bisognerà vedere come una nazionale molto giovane avrà assorbito il colpo della sconfitta in semifinale. E questo genere di finali storicamente premia gli outsider, le sorprese: come l’Uruguay. Potrà pure contare poco, ma sarà una bella partita.