Sunday Post

È il 4 di luglio, siate indipendenti dall'attualità e rivedete cosa abbiamo pubblicato questa settimana

I fuochi d’artificio – non avete una base americana nei paraggi? – cominceranno sul tardi, e oggi i mondiali sono fermi. È una giornata di tutto riposo, a patto di avere l’aria condizionata. Non avendola, il suggerimento è di stare molto fermi. Leggere, magari, ma senza neanche girare le pagine, che si suda. Al massimo un clic.

Lettori del Post, ecco a voi la popolare rassegna del meglio che abbiamo pubblicato questa settimana, una settimana ricca.
Cominciamo come al solito dagli articoli più letti. Che sono stati, nell’ordine:

Il profilo, l’apprezzatissimo racconto di Gipi sui social network e le persone che siamo diventati
Un mese di iPad, dove abbiamo raccolto dieci esperienze di amici del Post, ed evidentemente ce n’era richiesta
I sei film di Woody Allen preferiti di Woody Allen, il quale Woody Allen gode di solido seguito tuttora

Il prescelto dalla redazione tra quelli nelle posizioni di classifica subito successive è

“Avevo sei anni”, visitatissimo anche se è stato online meno degli altri articoli e anticipava tavole e prefazione di un graphic novel molto bello

Ma se la redazione si può permettere di esprimere le sue personali preferenze indipendenti dai successi di pubblico, allora fa questi nomi:

La perfida Albione, dove si ripercorre il sempreverde complesso d’inferiorità della destra da Strapaese italiana nei confronti degli inglesi, Dio li stramaledica
“Un eroe”, per spiegare la storia dello stalliere Mangano, personaggio della cronaca politica di cui si erano perse le tracce biografiche
Il buon esempio, un tentativo di immaginare un calcio – e non solo un calcio – affrontato con spirito non vittimistico
Al posto di Abete, un costruttivo contributo alla rifondazione della dirigenza calcistica italiana, visto che su quella politica si fa largo la rassegnazione

Concludendo, i post più letti sui blog del Post questa settimana. Ci siamo astenuti dall’aggiungere le nostre addolorate opinioni sulla morte di Pietro Taricone al mucchio generale, ma alcune cose belle le hanno scritte i nostri blogger:

Taricone e Saviano, il meglio dell’Italia, di Flavia Perina
Elisabetta Gardini alla Consob, di Francesco Maggio
Robert Byrd e Pietro Taricone, di Marco Simoni

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.