• Mondo
  • domenica 13 giugno 2010

Mandato d’arresto per un proprietario tv anti Chávez

Anche un giornalista è stato arrestato per avere accusato di nepotismo un sindaco della cerchia di Chavez

L'opposizione accusa il presidente venezuelano di volere esercitare un controllo totale sui media

Le autorità venezuelane hanno emesso un mandato d’arresto contro il proprietario di una tv di opposizione del presidente Hugo Chávez. Guillermo Zuloaga, proprietario della tv Globovision, aveva accusato in passato Chávez di essere responsabile delle morti avvenute durante il breve colpo di stato del 2002. “Com’è possibile che mi accusi di una cosa del genere e sia ancora a piede libero?” aveva commentato Chavez durante una recente intervista.

I sostenitori di Zuloaga sostengono che il mandato d’arresto sia una scusa per mettere a tacere il canale televisivo e le polemiche contro il governo. Le autorità giudiziarie invece assicurano che sono state messe in atto tutte le procedure legali e che il mandato d’arresto è dovuto al riscontro di alcune irregolarità economiche. Un avviso di garanzia è stato emesso anche per il figlio di Zuloaga, ma finora nessuno dei due uomini è stato trovato dalla polizia. La loro casa è ora sotto sequestro.

Intanto, come racconta il quotidiano argentino Clarìn, anche un giornalista venezuelano è stato condannato a tre anni e nove mesi di prigione per avere accusato di nepotismo un sindaco vicino alla cerchia politica di Chávez. Da tempo i gruppi d’opposizione accusano il presidente venezuelano di volere estendere il suo controllo sui mezzi d’informazione e di condurre una vera e propria “guerra dei media”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.