• Mondo
  • martedì 25 Maggio 2010

Mondiali in Sudafrica bloccati nel traffico?

Il traffico ha paralizzato parte di Johannesburg, impedendo ai tifosi di assistere alla riapertura del Soccer City

I responsabili dei trasporti assicurano che per i mondiali il sistema sarà rodato e in grado di assorbire alti volumi di traffico

Adesso si teme che – non bastasse il resto – il principale nemico dei mondiali di calcio in Sudafrica possa essere il traffico. A pochi giorni dall’inizio delle prime partite per la coppa del mondo, sabato dalle parti di Johannesburg si sono formate lunghe colonne di auto di tifosi che volevano raggiungere il Soccer City, il principale stadio del paese da poco ristrutturato per ospitare i mondiali di calcio. Il programma prevedeva l’inaugurazione della struttura sportiva, ma la congestione delle vie di accesso al Soccer City ha impedito a migliaia di spettatori di partecipare all’evento. Il timore è che possa succedere anche a mondiali iniziati.

Il calcio di inizio della partita in programma al Soccer City, valida per la South African Cup, è stato ritardato di una trentina di minuti, racconta Reuters, ma lo stesso alcune aree degli spalti sono rimaste vuote per buona parte del match. Alcuni tifosi hanno raccontato di essere rimasti bloccati nel traffico per più di due ore nella tangenziale di Johannesburg, una delle principali infrastrutture per la mobilità della città.

La responsabile dei trasporti di Johannesburg, Lisa Setfel, ha detto che una combinazione di problemi ha complicato la situazione: altri due eventi sportivi contemporanei, la costruzione di una nuova strada in vista della coppa del mondo, e uno sciopero delle ferrovie.

Oltre alla partita per la riapertura del Soccer City, nella giornata di sabato si era anche giocata una partita di rugby nell’area di Soweto. Il Soccer City è lo stadio più grande dell’Africa e può ospitare fino a 90mila spettatori. Totalmente ristrutturato, ospiterà otto partite della coppa del mondo di calcio comprese le partite di apertura e chiusura dell’evento sportivo.

I responsabili dei trasporti assicurano che per i mondiali il sistema sarà sufficientemente rodato e in grado di reggere maggiori volumi di traffico, evitando le congestioni dello scorso sabato. Il piano prevede non solo l’utilizzo di maggiori infrastrutture, ma anche una comunicazione più efficace sui percorsi e le strade alternative per raggiungere gli stadi. Sui biglietti per assistere alle partite saranno dunque inserite informazioni e mappe per guidare i tifosi fino alle aree di parcheggio prima del calcio di inizio.