J. J. Abrams e Spielberg fanno un film insieme

Il nuovo progetto del creatore di Lost e Cloverfield si ispirerà ai primi film di Spielberg, e lo vedrà coinvolto

Nello stile di Abrams, le informazioni sul film sono ancora poche e misteriose

Dopo aver creato la serie tv che non ha bisogno di presentazioni (Lost), rilanciato la serie di fantascienza per eccellenza facendone un filmone (Star Trek) e prodotto un film con un mostro che attacca New York (Cloverfield), J. J. Abrams continua a spuntare la lista dei sogni che aveva da ragazzino.

Fonti anonime di Vulture — la sezione culturale del New York Magazine — riportano infatti che Abrams sta lavorando a un progetto che ha come modello i primi film di Spielberg, e che Spielberg sarà coinvolto in qualche modo nella realizzazione. Come produttore esecutivo o, più semplicemente, supervisore del progetto.

Come tutti i progetti di Abrams anche quest’ultimo è circondato dal mistero. Il titolo sarebbe già stato deciso, ma non si sa quale sia. Sul soggetto si sa solo che — come appunto Lo squalo, Incontri ravvicinati del terzo tipo e E.T. — racconterà la storia di persone comuni alle prese con eventi sovrannaturali.

Il film costerà 25 milioni di dollari, un budget relativamente basso per un potenziale blockbuster.

“Sarà una specie di anti-Avatar”, ha spiegato una delle fonti. “Non che a J.J. non piaccia quel film o quel genere di film con effetti speciali — ha parecchie attrezzature per gli effetti speciali. Sarà un film di quel genere, ma girato in maniera economicamente responsabile”.

Altro non se ne sa: i portavoce di Paramount e DreamWorks — le due grandi case di produzione con cui Abrams ha lavorato in passato — hanno dichiarato di non essere informati del progetto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.